Lunedi, 13 Luglio, 2020

Camerino, edicola danneggiata dal terremoto si impicca Adriano Pieretti

Adriano Pieretti in una Adriano Pieretti in una
Evangelisti Maggiorino | 14 Ottobre, 2016, 09:13

Si uccide a 31 anni Adriano Pieretti, commerciante residente a Camerino ma originario di Osimo.

L'uomo era proprietario di una piccola edicola, a Camerino, e riusciva a portarla avanti dignitosamente grazie alle tante scuole presenti in zona. Chiuse però dal giorno del terremoto e gli studenti - 470 tra elementari e medie - trasferiti altrove, in plessi antisismici messi a disposizione dalla Provincia.

Sono due fatti in qualche modo sono collegati, anche se è difficile, complicato, mettere a fuoco quel legame. Anche il negozio dove lavorava la sua ragazza, aveva chiuso i battenti dopo il terremoto. Il giovane aveva manifestato su Facebook tutta la sua indignazione per la situazione che lo stava logorando, fino a quando non ha deciso di portare a termine l'insano gesto.

Oggi sempre su Facebook lo sfogo della fidanzata Ilaria, con cui Adriano conviveva: "Non ho parole per descrivere quello che provo ora che se n'è andata la persona più importante della mia vita". "Tristezza", "rabbia", "condoglianze", "povero ragazzo". Lo aveva ricevuto nel suo ufficio pochi giorni fa, assieme alla compagna che due anni fa aveva avviato un centro estetico che andava bene. E poi conclude: "Speriamo ci sia spazio per modificare il decreto. Siamo stati esclusi dalle aree interne (ovvero, semplificando assai, il perimetro delle città coinvolte dal terremoto, ndr) nonostante i nostri 300 sfollati, le scuole chiuse e le 24 attività produttive che hanno subìto danni".

Altre Notizie