Mercoledì, 17 Luglio, 2019

Immigrati, il Papa richiama l'attenzione sui minori: tre volte indifesi

Immigrati, il Papa richiama l'attenzione sui minori: tre volte indifesi Immigrati, il Papa richiama l'attenzione sui minori: tre volte indifesi
Evangelisti Maggiorino | 14 Ottobre, 2016, 08:34

"Nessuno è straniero nella comunità cristiana" scrive Francesco in un tweet nel giorno in cui ha pubblicato il suo Messaggio per la Giornata mondiale del migrante e del rifugiato, che sarà dedicata quest'anno ai minori.

"Chi accoglie uno solo di questi bambini nel mio nome, accoglie me; e chi accoglie me, non accoglie me, ma colui che mi ha mandato" (Mc 9,37; cfr Mt 18,5; Lc 9,48; Gv 13,20). Nel metterci a servizio dei più bisognosi sperimentiamo di essere già uniti: è la misericordia di Dio che ci unisce", ha detto il Papa tra nuovi applausi. Ma d'altra parte, non si possono nascondere gli elementi positivi che i cattolici possono rintracciare nel contributo che la Riforma ha dato alla riscoperta del Vangelo di Gesù Cristo.

I danni, per i più piccoli, sono enormi: "Tra i migranti, i fanciulli costituiscono il gruppo più vulnerabile perché, mentre si affacciano alla vita, sono invisibili e senza voce: la precarietà li priva di documenti, nascondendoli agli occhi del mondo; l'assenza di adulti che li accompagnano impedisce che la loro voce si alzi e si faccia sentire". Il Papa ringrazia per il cammino fatto, "perché oggi, luterani e cattolici, stiamo camminando sulla via che va dal conflitto alla comunione. Ad esso è connesso un comandamento di Dio: "Non molesterai il forestiero né lo opprimerai, perché voi siete stati forestieri in terra d'Egitto" (Esodo 22,20)". La linea di demarcazione tra migrazione e traffico può farsi a volte molto sottile. Ma la spinta più potente allo sfruttamento e all'abuso dei bambini viene dalla domanda. "Con tanta gratitudine - confida il Papa - guardiamo agli organismi e alle istituzioni, ecclesiali e civili, che con grande impegno offrono tempo e risorse per proteggere i minori da svariate forme di abuso". Poi intensificando la collaborazione tra i migranti e le comunità che li accolgono, creando "reti capaci di assicurare interventi tempestivi e capillari". Francesco chiede dunque di "lavorare per l'integrazione dei bambini e dei ragazzi migranti".

Papa Francesco rilancia l'allarme globale sulle migrazioni che oggi "vanno sempre più assumendo le dimensioni di una drammatica questione mondiale" e denuncia "le piaghe aberranti" che si infliggono ai minorenni. La loro condizione "è ancora più grave quando si trovano in stato di irregolarità o quando vengono assoldati dalla criminalità organizzata", spiega il pontefice: "Allora essi sono spesso destinati a centri di detenzione. Non è raro, infatti, che vengano arrestati e, poiché non hanno denaro per pagare la cauzione o il viaggio di ritorno, possono rimanere per lunghi periodi reclusi, esposti ad abusi e violenze di vario genere".

"Il diritto degli Stati a gestire i flussi migratori e a salvaguardare il bene comune nazionale deve coniugarsi - ribadisce Francesco - con il dovere di risolvere e di regolarizzare la posizione dei migranti minorenni, nel pieno rispetto della loro dignità".

Il Pontefice lancia anche un "accorato appello" affinché "si adottino soluzioni durature" per i minori migranti. I bambini, afferma il Papa, "sono i primi a soffrirne, subendo a volte torture e violenze corporali, che si accompagnano a quelle morali e psichiche, lasciando in essi dei segni quasi sempre indelebili". È assolutamente necessario, pertanto, affrontare nei Paesi d'origine le cause che provocano le migrazioni. "Questa - ha aggiunto Bergoglio - non è una cosa dei libri ma dei giornali di tutti i giorni" ed è "la malattia, si può dire anche il peccato, che Gesù condanna di più, è ipocrisia". La domanda - ha poi continuato riepilogando la domanda - diceva "per lei quali sono i più grandi riformatori della Chiesa o delle Chiese, della storia": io dirò che i più grandi riformatori della Chiesa sono i santi, cioè gli uomini e le donne che seguono la parola del Signore e la praticano, andare, andare per quel cammino, questo riforma la Chiesa, e questi sono i grandi riformatori, forse non sono teologi, non hanno studiato, magari sono gente umile, ma questi che hanno l'anima bagnata, piena del Vangelo, sono quelli che riformano bene la Chiesa.

Altre Notizie