Giovedi, 16 Luglio, 2020

Renzi lima la manovra: 10 mila assunzioni e via Equitalia

L'abolizione di Equitalia e le altre cose che ha detto Renzi Renzi lima la manovra: 10 mila assunzioni e via Equitalia
Evangelisti Maggiorino | 13 Ottobre, 2016, 23:10

"Bisogna rottamare la filosofia 'checcozaloniana' dell'impiegato pubblico" che per primo "deve tornare a sentire l'orgoglio, del Tricolore, poi e' anche chiaro che bisogna sbloccare i contratti". "Dal 7 novembre partirà un sms se si ha un ritardo nei pagamenti" ha detto il Renzi illustrando all'assemblea dell'Anci alcune misure contenute nella manovra che dovrebbe essere approvata in consiglio dei ministri sabato. "Dire che si modifica il turn over significa tornare a fare i concorsi, una cosa che è mancata in questi anni: possiamo immaginare di avere tra infermieri, forze ordine e spero medici, 10 mila unità".

Entrando nel merito dei provvedimenti, Renzi, rispondendo a una precisa richiesta del presidente dell'Anci Antonio Decaro, ha spiegato che "sul turnover un segnale ci sarà". Il punto del merito è da affermare a tutti i livelli, merito non è una parolaccia, bisogna affermarlo con forza. E ha aggiunto: "Basta con alchimisti e stregoni, i nostri asili devono avere i bimbi vaccinati". Il premier ha anche promesso che tutti i progetti presentati dai comuni per riqualificare le periferie "saranno finanziati entro il 2017". C'è poi il tema dei vaccini: l'esempio assunto dall'Emilia Romagna è serio. "Avendo messo 500 milioni di euro per le periferie, a seguito delle vicende del terrorismo, ci aspettavamo richieste per 500 milioni". Una menzione speciale per il sindaco di Napoli: "A De Magistris dico anche che il suo progetto per Scampia sarà premiato con un ulteriore bonus". "Il fondo pluriennale vincolato ci sarà anche per il 2017, avrà un impatto di 490 milioni ma sblocca vostri investimenti per 1,4 mld".

Nella legge di bilancio, inoltre, annuncia Renzi, "Equitalia sarà abolita e si indicherà la creazione di un modello diverso con interventi di riorganizzazione del rapporto cittadino-pubblico ufficiale". Sull'immigrazione, invece, il presidente del Consiglio ha dichiarato che verranno chieste nuove regole all'Ue: "Nella prossima discussione sui fondi europei dobbiamo mettere una regola semplice: che quei paesi che non rispettano le regole sull'immigrazione e alzano i muri non devono avere finanziamenti privilegiati come è accaduto in questi anni".

Altre Notizie