Giovedi, 17 Ottobre, 2019

TripAdvisor tutela animali, stop interazioni con turisti

Svolta animalista per TripAdvisor stop a ticket per show crudeli TripAdvisor tutela animali, stop interazioni con turisti
Evangelisti Maggiorino | 13 Ottobre, 2016, 18:53

Tripadvisor dalla parte degli animali: sia la piattaforma principale che il servizio di prenotazione Viator non venderanno più biglietti per le attrazioni turistiche con animali selvatici o con specie in via di estinzione tenute in cattività. La nuova politica sara' completamente effettiva dai primi mesi del 2017, ma le prenotazioni per alcune attrazioni verranno bloccate immediatamente.

Attraverso il suo nuovo portale dedicato a promuovere una maggior coscienza degli utenti nei confronti di quelle che sono le condizioni ideali in cui dovrebbero vivere determinati animali, soprattutto se appartenenti a specie minacciate e quindi tutelate, la società intende promuovere un turismo più responsabile e consapevole del suo "impatto" anche su questi esseri viventi. I partner iniziali includono l'organizzazione di accreditamento del settore Association of Zoos and Aquariums, l'organizzazione di salvaguardia Global Wildlife Conservation e Think Elephants International, gli esperti di turismo Abta (Association of British Travel Agents) e Sustainable Travel International, leader accademici nelle scienze della salvaguardia degli animali e del welfare animale come la Oxford University's Wildlife Conservation Research Unit (WildCRU) e gruppi che si occupano di benessere animale come People for the Ethical Treatment of Animals (Peta). - Allo stesso tempo vogliamo render merito a quelle destinazioni e attrazioni che sono tra le migliori nel prendersi cura degli animali e a quelle del comparto turistico che perorano la causa del welfare degli animali, della loro salvaguardia e della conservazione delle specie in via d'estinzione.

"La World Tourism Organization (UNWTO) apprezza le azioni intraprese da TripAdvisor, membro affiliato di grande valore della nostra organizzazione, per rafforzare la propria 'corporate social responsability' nell'ambito del welfare animale", ha aggiunto Taleb Rifai Secretary-General UNWTO.

Altre Notizie