Вторник, 12 Декабря, 2017

Lavoro in Liguria sempre più pagato con i voucher

Lavoro in Liguria sempre più pagato con i voucher Lavoro in Liguria sempre più pagato con i voucher
Acerboni Ferdinando | 12 Октября, 2016, 20:25

E quanto afferma la Coldiretti nel commentare i dati dell'Osservatorio sul lavoro accessorio dellINPS relativi ai primi sei mesi del 2016 nel sottolineare che i voucher sono stati introdotti inizialmente sperimentalmente per la vendemmia nel 2008 ha perso radicalmente la sua connotazione agricola.

Si stima quindi che nel 2016 si supererà la soglia già record toccata nel 2015, pari a 115 milioni di voucher venduti.

Limpiego dei voucher in agricoltura scende al minimo di appena l1,09% del totale a seguito della progressiva estensione degli ambiti oggettivi e soggettivi di utilizzo del lavoro accessorio che e' andata di pari passo con l'aumento della vendita dei voucher. Lo rende noto l'Inps ricordando che l'importo nominale di 10 euro di ogni singolo voucher comprende la contribuzione a favore della Gestione separata Inps (1,30 euro), quella in favore dell'Inail (0,70 euro) e una quota per la gestione del servizio (0,50 euro). Il compenso netto per il lavoratore è di 7,50 euro. Questo significa che in media, con circa 500 euro, la paga media annuale di chi effettua prestazioni di lavoro accessorio, e viene pagato con i voucher dal datore di lavoro, è letteralmente da fame.

Negli ultimi anni si registra un boom nell'uso dei voucher lavoro, i buoni lavoro previsti per i lavori occasionali o stagionali, non regolamentati con i tradizionali contratti, ideati come strumento di contrasto al lavoro nero. Dal 2008 a oggi, "il Nord-est con 127,7 milioni di voucher venduti ha inciso per il 36,8%, mentre il Nord-ovest con 102,6 milioni di voucher venduti ha inciso per il 29,5%".

"Sul fronte dei voucher - ha detto nei giorni scorsi il ministro del Lavoro, Giuliano Poletti - abbiamo fatto un intervento all'interno del jobs act che prevede la tracciabilita".

La tipologia di attività per la quale è stato acquistato il maggior numero di voucher è il commercio (16,8%), mentre l'area geografica è il Nord, in particolare Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna.

Altre Notizie