Martedì, 25 Giugno, 2019

Poletti: "Per pensioni più basse quattordicesime su del 30%"

Il rebus dei conti pubblici italiani rende difficile mantenere l'ottimismo sulle novità per le pensioni Il rebus dei conti pubblici italiani rende difficile mantenere l'ottimismo sulle novità per le pensioni
Esposti Saturniano | 11 Ottobre, 2016, 23:25

"Questo per evitare sperequazioni a favore delle pensioni più alte", ha spiegato Poletti, che ha poi sotolineato come la vecchia quattordicesima arrivi a un massimo di 650 euro, ma e che, nonostante le "cifre esatte saranno definite nella legge di Bilancio", "l'ordine di grandezza" dovrebbe esserre grossomodo questo. La quattordicesima spetta ai pensionati che hanno un'età pari o superiore a 64 anni e un reddito personale non superiore a una volta e mezza il trattamento minimo, che viene ricalcolato ogni anno.

Per quanto riguarda le risorse stanziate per la manovra, dei 6 miliardi nel corso di 3 anni assicurato dal ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, si potrebbe arrivare a 1,5 nel primo anno di sperimentazione della Riforma pensioni, assegnati per 2/3 ai pensionati e per 1/3 distribuiti al finanziamento dell'APE agevolata, al cumulo gratuito dei periodi contributivi versati in differenti gestioni, alle semplificazioni per il ritiro dei lavoratori che svolgono mansioni usuranti e al cosiddetti bonus lavoratori precoci, ossia per chi ha iniziato a lavorare prima dei 19 anni, versando (in minore età) almeno 12 mesi di contributi.

Ci sar l'ottava salvaguardia per altri 25 mila esodati? Con questa salvaguardia si punta ad allungare i termini di maturazione dei requisiti gi fisati dalle precedenti salvaguardie per i lavoratori esclusi dai precedenti provvedimenti e concludere cos la vicenda.

Secondo il Ministro del Lavoro, che ha preso la parola a margine di un'analisi dei dati sul mondo del lavoro che confermerebbe un'inversione di rotta positiva, considerando in fondi disponibili l'Ape è stato il miglior intervento che si potesse fare per garantire una maggiore flessibilità in uscita dal mondo del lavoro.

Il segretario della Cgil, Susanna Camusso, dice che il governo ha speso 18 miliardi per la decontribuzione ottenendo scarsi risultati."Si vede che abbiamo parametri di valutazione diversi". Parliamo di un prestito, ovvero una somma erogata dalle banche (anche se tramite l'Inps) che il lavoratore dovrà restituire nei venti anni successivi attraverso un prelievo sull'assegno mensile.

I 107 mila italiani emigrati?

L'ultima tipologia è l'Ape aziendale, in base alla quale il ritiro anticipato dei lavoratori coinvolti in ristrutturazioni aziendali sarà finanziato in tutto o in parte dal datore di lavoro. Detto questo, credo che vada distinto chi liberamente sceglie di partire da chi è costretto a farlo perché non trova lavoro. "Non vorrei passasse l'idea che quelli che se ne vanno sono più bravi di quelli che restano".

Secondo le previsioni, saranno oltre tre milioni i pensionati che il prossimo mese di luglio percepiranno la quattordicesima, inclusi quelli che la percepiranno per la prima volta e quelli che ne riscuoteranno una più ricca. Gli interventi strutturali arriveranno con la revisione dell'Irpef dal 2018.

Altre Notizie