Sabato, 19 Ottobre, 2019

Calciomercato, l'ex Roma Cerci si candida: "Io alla Lazio? Non avrei problemi"

Calciomercato Cerci chiama la Lazio cosa farà Lotito Calciomercato Cerci chiama la Lazio cosa farà Lotito
Cacciopini Corbiniano | 11 Ottobre, 2016, 20:39

Alessio Cerci ha resistito al dolore pur di giocare, ha pagato le conseguenze.

Il 31 agosto è un giorno che Alessio Cerci si ricorderà a lungo: l'ex rossonero aveva già effettuato le visite mediche con il Bologna, ma un guaio al ginocchio destro lo ha costretto a rimanere all'Atletico Madrid.

Oggi convince sia a livello di risultati ottenuti sia in fase di gioco; questo grazie ai nuovi innesti di mercato come Jordan Lukaku e, sopratutto, Ciro Immobile che sta sostituendo a dovere un grande giocatore come Miroslav Klose. "Preferirei tornare in Italia, è il Paese che mi ha cresciuto calcisticamente, se troverò una soluzione rientrerò volentieri". Su di lui ci sono i biancocelesti, ecco cosa ne pensa Cerci di questa ipotesi: "I biancocelesti mi volevano in estate ma non erano convinti delle condizioni del ginocchio - ha dichiarato al 'Corriere dello Sport' -".

Chiaramente, però, il suo pensiero è legato al suo ritorno in campo e qui Cerci ha lanciato un chiaro segnale alla Lazio, con la speranza che Lotito possa portarlo alla corte di Simone Inzaghi, magari riformando la coppia strepitosa vista già ai tempi del Torino, Cerci-Immobile. Avevo 15 anni, iniziavo ad allenarmi con i campioni della prima squadra, c'era emozione, sognavo la mia consacrazione. Ci sarà bisogno di convinzione anche da parte di chi mi prenderà. Non giocando mai la scelta è stata obbligata. Il suo calcio è fatto di meccanismi e ha bisogno di tempo per incidere sul gruppo. Il Bologna ha calcolato i miei tempi di recupero, erano un po' più lunghi, hanno preferito aspettare. Si vedrà anche in questo caso.

Per Cerci l'interesse della Lazio, squadra in cui approderebbe senza problemi: "Non sarebbe un problema giocare nella Lazio". Candreva inizialmente ha avuto problemi, poi ha conquistato tutti i laziali: il suo esempio è lampante. Un retroscena, Cerci fu vicino alla Premier League: "Mancini mi voleva al Manchester City prima che andassi alla Fiorentina, poi fecero marcia indietro per scelta societaria".

Altre Notizie