Lunedi, 23 Settembre, 2019

Proteste a Trieste contro la decisione del sindaco Roberto Dipiazza di rimuovere

La rimozione della scritta dedicata La rimozione della scritta dedicata a Giulio Regeni
Evangelisti Maggiorino | 11 Ottobre, 2016, 17:14

Momenti di tensione a Trieste, dove si è scatenata una piccola rissa tra i manifestanti e le forze dell'ordine: motivo del disordine è stata la rimozione dello striscione che chiedeva "Verità per Giulio Regeni", che fino a poche ore fa sventolava da una finestra del Municipio.

E proprio alcuni manifestanti che assistevano al consiglio comunale sono venuti alle mani con la polizia municipale.

Striscioni analoghi sono stati esposti e si possono leggere in tante città italiane, amministrate da giunte di ogni colore.

Il caso di Giulio Regeni continua a far discutere anche per le sue implicazioni collaterali, come il proliferare degli oramai ben noti manifesti nei quali campeggia la scritta "Verità per Giulio Regeni" su uno sfondo giallo.

E' finita a schiaffi e spintoni la discussione sulla decisione del Comune di rimuovere dalla facciata dell'edificio lo strisscione "Verità per Giulio Regeni". "Siamo qui per dare voce alla Trieste che non si riconosce in quella città degli amministratori, che fanno scelte che non sono assolutamente condivise da parecchie persone, anche di destra". Stiamo cercando una verità, non stiamo cercando dei martiri.

Altre Notizie