Martedì, 17 Settembre, 2019

Pd: Renzi, giornata difficile in direzione? Per chi?

Pd: Renzi, giornata difficile in direzione? Per chi? Pd: Renzi, giornata difficile in direzione? Per chi?
Esposti Saturniano | 11 Ottobre, 2016, 05:56

Lo ha detto il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, intervenendo all'assemblea generale di Assolombarda.

Per il premier, Expo è dunque l'esempio di una Milano che è in grado di guidare il Paese verso un successo.

"L'Italia ha bisogno di ritrovare una sua unità, un'unità che parte dal lavoro: ma quando si va in Europa c'è bisogno di riscoprire l'interesse nazionale come elemento costitutivo del sogno europeo". Secondo il presidente del Consiglio, il ritardo dell'Italia nella competitività "non deriva dalla scarsa qualità del mondo imprenditoriale ma dalla incapacità della governance istituzionale e dalla mentalità di alcuni imprenditori di non riuscire a stare al passo con i tempi". "Gli imprenditori appartengono tutti alla seconda categoria" e cosi' "emerge con chiarezza l'identita' culturale che ci unisce". "Questo intervento sarà nelle Legge di Stabilità". "Senza l'Italia - ha proseguito Renzi - il dibattito europeo si è inaridito, ha pensato solo ai confini e ad algide regole burocratiche tutte finalizzate a difendere l'interesse di quei paesi che stanno dominando l'Unione europea. Non vado la' per sbattere i pugni sul tavolo, ma perchè senza l'Italia l'Europa è meno ricca". Invece vi sono esponenti italiani che accolgono altri esponenti italiani al grido di 'mafia, mafia'. Milano può e deve essere la "locomotiva" italiana in funzione di questa vision, che coinvolge pubblico e privato, istituzioni e imprenditoria. E sulla questione dei contratti ha aggiunto: il presidente di Confindustria chiede di non intervenire, dicendo "facciamo noi".

"Sono cresciuto con un mito, ho sempre visto in questa città il punto di riferimento avanzato per chi vuole investire sul futuro".

Altre Notizie