Lunedi, 27 Gennaio, 2020

Roma, Marino: "Io vittima di hackeraggio e di una farsa"

Roma, Marino: Roma, Marino: "Io vittima di hackeraggio e di una farsa"
Evangelisti Maggiorino | 09 Ottobre, 2016, 23:17

Sembrava quasi di avere un sindaco che non rispettava le regole della città.

Dopo l'assoluzione dall'accusa di peculato, truffa e falso nell'ambito del processo sul caso scontrini e le consulenze della Onlus Imagine, l'ex Sindaco di Roma, Ignazio Marino, è un fiume in piena. "Non sono mai stato uomo di partito, sono entrato due o tre volte nella sede di Pd, io sono proprio l'antitesi dell'uomo partito", ha aggiunto. "Certo che dicendo brutalmente 'no' alle Olimpiadi deve essersi fatta dei nemici molto potenti". "La responsabilità sul volo dell'elicottero che lanciò petali sul corteo funebre - ha ribadito Marino - non era del Comune, ma del Viminale e della Difesa". "Ma la perdita del direttore generale Alessandro Filippi e del presidente Daniele Fortini, che avevano dato un nuovo indirizzo alla raccolta e allo smaltimento dei rifiuti, sarà difficile da riparare". "Orfini ha portato i municipi alla disfatta più grande della sinistra degli ultimi 30 anni. In un'azienda uno così si sarebbe dimesso, invece resta attaccato con l'attak alla poltrona" la risposta del "marziano". "Mi ha difeso in un primo momento perché c'era Mafia Capitale e il Pd aveva arrestati e indagati e dunque gli conveniva sostenermi. Non convenivo quando ho sospeso il monopolio di Cerroni". Con la mia azione - ricorda Marino - l'ho chiuso perchè ho reso più efficienti gli impianti pubblici.

"Renzi - prosegue Marino - ha fatto un errore gravissimo perchè ha allontanato un sindaco che stava facendo ciò per cui lui era piaciuto al Paese, un programma di liberalizzazioni per recuperare denaro per il debito". Poi ha parlato della nuova prima cittadina, sottolineando che "una delle prime azioni della sindaca Raggi è stata chiedere la riapertura del tritovagliatore che trattava circa 100 tonnellate di rifiuti al giorno di rifiuti, di proprietà dell'avvocato Cerroni e affittato ad un altro privato". "Diversamente mi avrebbe sostenuto". "Non ho nessuna intenzione di avere ruoli politici, ma sarebbe negativo che una persona con me non dia un contributo al Paese".

Ad esempio c'è "la farsa su cui hanno aperto i giornali italiani e del mondo sulla mia Panda rossa che girava senza permesso, se l'immagini, un sindaco che violava le norme della sua città".

Altre Notizie