Sabato, 21 Settembre, 2019

Pensioni, quattordicesima, Ape social. Le ultime novità ad oggi 9 ottobre 2016

Lo spazio di azione anche e soprattutto sulle novità per le pensioni è ristretto per i conti pubblici negativi Lo spazio di azione anche e soprattutto sulle novità per le pensioni è ristretto per i conti pubblici negativi
Esposti Saturniano | 09 Ottobre, 2016, 14:40

I pensionati che prendono già la quattordicesima e che hanno una pensione non superiore a 750 euro al mese percepiranno un aumento del 30% della quattordicesima stessa mentre chi ha una pensione che oscilla tra i 750 e i mille euro al mese vedrà per la prima volta la quattordicesima. L'esponente dell'esecutivo ha però rimandato alla legge di bilancio per le "cifre" esatte su cui al momento non si è sbilanciato.

No, riguarda le gestioni pubbliche. "Il fondo ha stanziato complessivamente 11 miliardi e 600 milioni per salvaguardare 172mila lavoratori, ai quali si applicano le regole ante-Fornero".

L'ottava salvaguardia per altri 25 mila esodati "ci sarà", assicura, "ma usando i fondi delle precedenti salvaguardie".

Le leggi sulle salvaguardie le ha fatte il Parlamento e vanno puntualmente applicate. Ma ci chiediamo: come è possibile preventivare una spesa di 1,5 miliardi di euro per il primo anno per tutte le novità per le pensioni annunciate se solo per gli aumenti delle pensioni base si è parlato di uno stanziamento 1,5 miliardi di euro? "Con questa salvaguardia si punta ad allungare i termini di maturazione dei requisiti già fissati dalle precedenti salvaguardie per i lavoratori esclusi dai precedenti provvedimenti e concludere così la vicenda".

Non crede che si sia esagerato con le salvaguardie, mandando in pensione anche categorie non direttamente danneggiate dalla riforma Fornero?

Sul fronte lavoro, modifiche in arrivo per la decontribuzione sulle assunzioni.

"Credo che lo sgravio 2017 verrà concesso secondo criteri selettivi volti a favorire l'occupazione giovanile e al Sud".

Decontribuzione solo per le assunzioni under 35? Per questo, ha insistito Poletti, "dobbiamo lavorare con grande costanza per produrre le condizioni per far sì che i giovani possano esprimere le loro competenze e capacità e per fare in modo che abbiano le opportunità che meritano". "Io credo che 585 mila occupati in più da quando siamo al governo e una stabilizzazione molto forte dei lavoratori siano risultati molto importanti".

I 107 mila italiani emigrati? Qual è il rapporto dei giovani con il lavoro e le sue prospettive? Non è solo una questione di carenza di posti, ma anche di salari offerti, nettamente più alti in Germania e Regno Unito, in particolare per i laureati.

Il tema dei salari c'. Detto questo, credo che vada distinto chi liberamente sceglie di partire da chi è costretto a farlo perchè non trova lavoro. "Non vorrei passasse l'idea che quelli che se ne vanno sono più bravi di quelli che restano".

Nella manovra ci saranno interventi a sostegno della famiglia? Gli interventi strutturali arriveranno con la revisione dell'Irpef dal 2018.

Altre Notizie