Domenica, 17 Novembre, 2019

Usa 2016, Hillary Clinton soddisfatta dopo il dibattito

1474902076-clinton-trump Usa 2016, Hillary Clinton soddisfatta dopo il dibattito
Evangelisti Maggiorino | 06 Ottobre, 2016, 19:53

Se nella prima parte del confronto Trump è stato equilibrato davanti ad alcune pressioni della controparte si è innervosito e ha iniziato a parlare sopra alla Clinton.

Le elezioni USA 2016 stanno volgendo al termine e uno degli ultimi passi compiuti dai candidati alla presidenza è stato il dibattito che si è tenuto nella giornata di lunedì. "Renderò nota la mia dichiarazione delle tasse quando Hillary Clinton pubblicherà le sue email", è stata la sfida di Donald Trump, che ha poi accusato in maniera aperta l'avversaria affermando che l'uso del server privato "non è stato un errore, è stato fatto di proposito".

La Clinton ha cercato disperatamente di spezzare il momentum favorevole al suo avversario e probabilmente c'è riuscita, anche se per far questo è stata lei a dover rinunciare al suo atteggiamento presidenziale per attaccare duramente il suo avversario sul piano personale, tirando fuori perfino la sua passione per i concorsi di bellezza. Un dibattito che si annuncia quanto mai imprevedibile, visibile in diretta televisiva anche in Italia, praticamente su ogni telegrionale: Sky Tg24, Tgcom24, Tg5, Rainews24.

Il primo dibattito pubblico tra i due candidati presidenti ha visto la vittoria della democratica Hillary Clinton. Mentre Trump è stato meno veemente e meno verbalmente violento, rispetto al solito. "Non ha esperienza nella sicurezza nazionale, eppure dice di avere un piano per infliggere una sonora sconfitta ai militanti dell'Isis in Siria, senza però renderlo noto", ha messo in evidenza il New York Times, precisando che "nell'esprimere la sua ammirazione per il presidente russo Vladimir Putin, Trump accetta implicitamente gli abusi dittatoriali di Putin con i suoi critici".

Il dibattito è stato seguito da cento milioni di persone. La Clinton, in giacca-pantalone rosso fuoco a completare il ribaltamento dei consueti colori dei due grandi partiti americani, è andata all'attacco dal primo all'ultimo minuto, giocando tutta la partita sulla preparazione e competenza, da contrapporre ai toni populisti di Donald Trump. Per Trump, invece, potrebbe rappresentare un'occasione per agganciare la candidata democratica e portarsi in testa per la prima volta da quando la competizione è iniziata a luglio scorso.

Altre Notizie