Mercoledì, 20 Novembre, 2019

F1: Raikkonen, a Suzuka per vincere

Vettel ammette F1: Raikkonen, a Suzuka per vincere
Esposti Saturniano | 06 Ottobre, 2016, 19:34

Siamo qui per cercare di vincere, qualunque risultato inferiore al primo posto non è il risultato migliore, non c'è grossa differenza tra le altre posizioni del podio, vogliamo tornare davanti e lottare costantemente. Dall'Italia abbiamo tutto il supporto necessario di quanti lavorano a Maranello, ma in generale ci manca un po' di prestazione.

Tutti i diritti di utilizzazione economica previsti dalla legge n. 633/1941 sui testi da Lei concepiti ed elaborati ed a noi inviati per la pubblicazione, vengono da Lei ceduti in via esclusiva e definitiva alla nostra società, che avrà pertanto ogni più ampio diritto di utilizzare detti testi, ivi compreso - a titolo esemplificativo - il diritto di riprodurre, pubblicare, diffondere a mezzo stampa e/o con ogni altro tipo di supporto o mezzo e comunque in ogni forma o modo, anche se attualmente non esistenti, sui propri mezzi, nonché di cedere a terzi tali diritti, senza corrispettivo in Suo favore. Nella foto sotto, invece, è possibile confrontare la soluzione più tradizionale.

Il posteriore della SF16-H per il Gran Premio del Giappone è completamente diverso rispetto a quello visto in Malesia. Mi piace il cibo locale e ci sono molti appassionati di Formula 1.

"Non ho più pensato all'ultima gara, ho ancora tante cose da fare". Auguro sempre il meglio alla rossa perché la porto nel cuore. Per quanto riguarda il mio futuro, al momento sono in atto delle discussioni e nelle prossime settimane credo raggiungeremo un accordo.

Secondo classificato fu Rosberg, grazie ad una perfetta strategia del muretto Mercedes, che gli permise di effettuare un undercut sulla concorrenza.

Kimi Raikkonen: "E' difficile essere soddisfatti nella situazione attuale, chiaramente volevamo esser in una posizione migliore e lottare per la vittoria ma ora abbiamo questo nelle mani, dobbiamo solamente continuare a lavorare. A parte questo abbiamo tutti gli strumenti e ottime persone che lavorano, ma dobbiamo migliorare le cose e non è semplice". "Al via, in tutta la mia carriera, sono sempre stato aggressivo". Certo la squadra sta soffrendo, ma non siamo riusciti a sfruttare alcune belle possibilità e siamo stati anche a combattere con la McLaren... Dobbiamo vivere le gare una alla volta per capire dove possiamo arrivare. Ma tutto questo clima di festa sembra totalmente pacato e ridotto rispetto alla grande folla che invade Suzuka per il Gran Premio del Giappone. Non è la sua pista preferita, ma per fare bene bisognerà andare oltre i semplici gusti personali.

Altre Notizie