Domenica, 20 Ottobre, 2019

Camorra: Dia Napoli confisca beni per 13 milioni

Camorra confiscati beni da 13 mln a ex tecnico Casal di Principe Camorra: Dia Napoli confisca beni per 13 milioni
Esposti Saturniano | 06 Ottobre, 2016, 12:55

Ruota intorno all'ex funzionario del Comune di Casal di Principe, l'ingegnere Nicola Di Caterino, imprenditore e già responsabile dell'Ufficio tecnico comunale, l'inchiesta della Procura di Napoli e della Direzione Investiga Antimafia che, in queste ore, sta completando l'esecuzione di un provvedimento di confisca di beni e consistenze economiche, emesso dal Tribunale di Santa Maria Capua Vetere, per un valore di oltre 13 milioni di euro. I beni sottoposti a confisca sono riconducibili all'ex responsabile dell 'Ufficio Tecnico Comunale di Casa! di Principe, Ing. I beni sottoposti a confisca sono riconducibili all'ex responsabile dell'ufficio tecnico comunale di Casal di Principe, l'ingegnere Nicola di Caterino. Tale attivita' aveva disvelato gli intrecci tra il "ceto politico di Casal di Principe e l'ala militare e imprenditoriale del clan camorristico dei Casalesi", fazione Schiavone e Bidognetti. Di Caterino - si legge nella nota degli inquirenti- era factotum dell'organizzazione camorristica perché aveva fornito un contributo stabile nel settore dell'acquisizione e gestione degli appalti, nonché nelle forniture e più in generale dell'attività di reinvestimento del sodalizio.

Di Caterino è stato coinvolto nelle vicende legate alla realizzazione del centro commerciale "Il Principe" ed alle elezioni amministrative del 27-28 maggio 2007 a Casal di Principe. Riproduzione vietata di ogni contenuto salvo diversa autorizzazione della redazione del nostro portale.

Altre Notizie