Mercoledì, 17 Ottobre, 2018

Esselunga, controllo a moglie Caprotti

Esselunga, controllo a moglie Caprotti Esselunga, controllo a moglie Caprotti
Esposti Saturniano | 05 Ottobre, 2016, 23:22

Sono la moglie Giuliana e la figlia Marina (avuta da quest'ultima) le eredi dei Supermarkets Italiani, la holding di Esselunga, così come recita il testamento di Bernardo Caprotti.

Monsignor Giuseppe Maggioni, che ha celebrato le esequie, al termine della cerimonia ha letto un messaggio di Violetta, che era riuscita a vedere il padre qualche ora prima che morisse.

Il post comunismo, nella forma che in Italia è riuscita ad imporsi, con l'esclusione di una contrapposizione democratica tra una Destra popolare ed un Partito Socialista, quale esiste in tutta Europa, è fatto anche di questa storia.

L'apertura del testamento dell'imprenditore avvenuta nel pomeriggio nello studio Marchetti a Milano. Una piccola chiesa nel centro di Milano di cui Caprotti, nel 2014, aveva finanziato il restauro del pavimento in marmo bianco e nero. Ieri sera il gruppo di Forza Italia a Palazzo Marino ha presentato una mozione urgente per chiedere di onorare la memoria dell'uomo e dell'Imprenditore Bernardo Caprotti.

"Quando vedrò Esselunga pregherò per te, quando calpesterò questo pavimento pregherò per te". E tu da lassù dì una preghiera per me, per i familiari, gli amici, i collaboratori.

La salma è stata poi trasferita ad Albiate, paese natale di Caprotti. Se Caprotti ha deciso di assegnare quest'ultimo 25% alla consorte e alla figlia Marina, nelle mani delle due donne si concentrerà il 66,7% di Supermarkets Italiani, la holding di controllo di Esselunga. E anche con i figli non è che andasse molto d'accordo.

Altre Notizie