Martedì, 11 Agosto, 2020

Resti umani in caverna: scoperto cimitero di mafia

Evangelisti Maggiorino | 05 Ottobre, 2016, 19:04

A quanto si apprende, i resti umani sono stati trovati in una caverna sotterranea in una zona molto impervia che rende difficili le operazioni di recupero. Le indagini sono coordinate dal procuratore della Repubblica di Palermo Francesco Lo Voi e dall'aggiunto Leonardo Agueci. Domande che potrebbero trovare una risposta soltanto dopo i test di rito, effettuati dagli uomini del Ris dei Carabinieri, mentre sul luogo del ritrovamento si sono recati anche due sostituti procuratori della Dda palermitana. Pare fosse proprio il cimitero delle cosche utilizzato dal clan del boss Salvatore Lo Piccolo per seppellire le vittime della sua guerra ai mafiosi che non ubbidivano o che lavoravano per gli avversari.

I resti delle ossa, apparentemente umane sono sparse in una area non ancora del tutto perlustrata. La zona è inaccessibile e presieduta dalle forze dell'ordine. Pare si tratti di almeno 5 cadaveri. La circostanza che l'inchiesta è coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia, insieme alla località in cui i corpi sono stati ritrovati, confermerebbe il legame tra i resti e delitti di mafia. Si indaga per risalire alle identità dei defunti.

Altre Notizie