Giovedi, 24 Settembre, 2020

Hiv, virus scomparso in un paziente curato con una terapia sperimentale

Hiv, virus scomparso in un paziente curato con una terapia sperimentale Hiv, virus scomparso in un paziente curato con una terapia sperimentale
Machelli Zaccheo | 05 Ottobre, 2016, 19:02

Nel mondo sono 37 milioni le persone affette dal virus dell'Hiv e in 30 anni dalla scoperta della malattia sono 35 milioni i morti per Aids.

Insomma, se fino ad oggi l'obiettivo della terapia anti-retrovirale era di far scomparire il virus dal sangue, facendo star bene il paziente e proteggendo i contatti dal contagio, questo protocollo terapeutico di nuova generazione mira molto più in alto, cioè alla completa eradicazione del virus, stanandolo dai suoi reservoir immunitari, senza limitarsi solo a sopprimerlo e a farlo scomparire dal sangue. Si tratta di un passo avanti forse non definitivo ma molto importante nella battaglia contro la patologia: i farmaci antiretrovirali tradizionali vanno a distruggere infatti le cellule dell'HIV nel sangue ma nulla possono contro quelle che rimangono dormienti in riserve apposite, pronte a riattivarsi.

Gli scienziati hanno riferito al Sunday Times che attualmente il virus è completamente inosservabile nel sangue dell'uomo e, se tutto rimane così, questa sarà la prima guarigione dal virus. Il direttore del National Institute for Health Research Office for Clinical Research Infrastructure ha spiegato che stanno sperimentando la reale possibilità di curare l'Hiv: "È un'enorme sfida ed è ancora presto ma i progressi di questa ricerca sono stati notevoli". Per saperne di più a questo punto non ci resta che attendere. "Ho partecipato alla sperimentazione per aiutare me stesso e gli altri". Intanto perché la durata di questa 'scomparsa' del virus dell'HIV è di appena due settimane; poi perché il paziente 'X' è in cura, oltre che con il vorinostat, anche con la terapia anti-retrovirale, che da sola è in grado di produrre la 'scomparsa' del virus dal sangue.

Il primo paziente, un operatore sociale, di Londra, ha dichiarato: "Sarebbe bello se questa cura fosse un successo".

"Il fatto di essere parte del progetto mi sembra incredibile". La nuova terapia si sviluppa in due stadi. "Continueremo con i test medici per i prossimi cinque anni, non ci fermeremo ed in futuro in base ai risultati dei test potremmo trovare la cura".

Lo studio che ha coinvolto cinque università britanniche, Oxford, Cambridge, Imperial College, University College London King's college, è stato condotto su 50 persone.

Un consulente medico dell'Imperial College di Londra, Sarah Fidler, ha spiegato: "Questa terapia è stata progettata specificamente per cancellare dal corpo di tutti i segni di virus Hiv, compresi quelli dormienti". Ha funzionato in test di laboratorio e ci sono prove che stia funzionando anche con gli esseri umani.

Al mondo, almeno 36,7 milioni di persone sono infette dall'HIV, secondo gli U.S. Centers for Disease Control and Prevention.

Altre Notizie