Lunedi, 14 Ottobre, 2019

Loris: Pm, madre egocentrica e bugiarda

ANSA									+CLICCA PER INGRANDIRE ANSA +CLICCA PER INGRANDIRE
Evangelisti Maggiorino | 03 Ottobre, 2016, 16:02

Ragusa. Ultime battute per Veronica Panarello che è entrata in aula, scortata dalla polizia penitenziaria, sempre vestita di nero.

La Panarello ha rilasciato nei giorni scorsi delle dichiarazioni spontanee per ribadire che ad uccidere il figlio sarebbe stato il suocero Andrea Stival con il quale la donna avrebbe avuto una relazione. E non sono stati amanti. "Non c'è la 'pistola fumante' - commenta l'avvocato Villardita - che dimostra la sua presenza in casa, ma ci sono tanti piccoli elementi che, come in un puzzle, lo acclarano. Non e' possibile tecnicamente presentare una richiesta formale, ma in sede di discussione diro' al giudice che questo processo senza confronto rimane monco e sara' il giudice che potra' anche uscire dalla camera di consiglio con una ordinanza per ammettere il confronto, invece che con una sentenza".

La requisitoria è previsto si concluda in giornata, con la richiesta di condanna.

"Egocentrica, bugiarda e manipolatrice" a causa di un "protagonismo esagerato". E' Veronica Panarello nella requisitoria della Procura di Ragusa che accusa la donna di avere ucciso con premeditazione il figlio Loris di 8 anni e di averne occultato il cadavere.

Domani mattina, alle 9.30, comincerà la requisitoria del pubblico ministero - dinanzi al Gup Andrea Reale, presso il Tribunale di Ragusa - in merito all'omicidio del piccolo Lorys, strangolato con delle fascette da elettricista il 29 novembre 2014 a Santa Croce Camerina, nel ragusano.

Il procuratore Carmelo Petralia e il sostituto Marco Rota hanno ricostruito la personalità dell'imputata e il suo vissuto personale. Ad essere accusata è la madre Veronica Panarello che prima avrebbe ucciso il figlio e poi lo avrebbe gettato in un canalone: ancora ignoto il movente, mai ritrovata l'arma del delitto. Oggi è il giorno della requisitoria da parte del pm e della richiesta della pena.

Gli inquirenti restano convinti che ad uccidere il piccolo sia stata la donna per la quale l'accusa è pronta a chiedere 30 anni di carcere.

Altre Notizie