Mercoledì, 17 Luglio, 2019

Colombia, referendum boccia accordo con Farc. Santos: "non rinuncio"

Colombia e Farc favorite per il Nobel della Pace Dopo lo storico accordo Colombia, referendum boccia accordo con Farc. Santos: "non rinuncio"
Evangelisti Maggiorino | 03 Ottobre, 2016, 11:17

A sorpresa il 'no' all'accordo di pace firmato lunedì tra il governo colombiano e il gruppo guerrigliero delle Farc ha prevalso di poco sul 'sì' nel referendum di ieri in Colombia. La differenza è di meno di 60mila voti. Ha pesato moltissimo l'astensione, arrivata al 60%.

Il risultato è vincolante per il governo del presidente Juan Manuel Santos e indebolisce pesantemente la sua leadership da tre anni impegnata in un negoziato accolto con favore da tutto il mondo, Usa e Vaticano in testa.

Le Farc si sono gi' dette disponibili ad andare avanti nel negoziato, ma nessuna delle due parti puo' dimenticare di non essere stata in grado di mobilitare intorno al progetto di pace una societa' come la Colombia che ha sofferto piu' di mezzo secolo di conflitto. La commissione elettorale ha reso noto che alla consultazione referendaria ha partecipato il 37,43% degli elettori.

Prima del voto, sia Santos che le Farc avevano indicato che la vittoria del no all'accordo firmato appena sei giorni fa a Cartagena avrebbe impedito l'applicazione dell'accordo.

Il quesito referendario recitava così: "Sostieni l'accordo finale per terminare il conflitto e per la costruzione di una pace stabile e permanente?".

"Spero che questo plebiscito storico possa davvero cambiare la storia di questo paese in meglio dopo un conflitto armato durato 52 anni e aprire la strada a un percorso di pace per un futuro migliore", ha sottolineato Santos. I punti principali erano: riforma agraria, distribuzione delle terre sottratte con la violenza a milioni di contadini e possidenti, reintegrazione dei 7 mila combattenti e loro protezione da vendette e ritorsioni, formazione di un partito politico che rappresentasse le ex Farc (le quali si sarebbero sciolte) cui sarebbe stata concessa la garanzia di avere cinque senatori e cinque deputati nel Congresso fino alle prossime elezioni del 2018.

Per sottolineare l'enorme valenza storica del voto di questa domenica Santos ha tra l'altro citato Gandhi, per il quale - ha ricordato - "non c'è un cammino per la pace ma la pace è il cammino".

Altre Notizie