Venerdì, 18 Ottobre, 2019

Galliani: "30 anni meravigliosi. Addio al Milan? Non ci penso"

Adriano Galliani Adriano Galliani
Cacciopini Corbiniano | 01 Ottobre, 2016, 21:56

L'esperto dirigente del Milan ha parole dolci per Silvio Berlusconi: "L'ho conosciuto il primo novembre del 1979 per motivi televisivi, è stato un rapporto di 37 anni basato su strette di mani, che valgono di più di tante cose. "Non voglio pensarci, fino alla chiusura devo pensare solo al Milan", spiega l'amministratore delegato rossonero a Radio Deejay". Fino a quel giorno faccio quello, fino al giorno della girata delle azioni sarò amministratore delegato del Milan e fino a quel giorno saprò cosa fare.

Un altro mese e mezzo sospeso tra passato e futuro: il Milan si avvicina a settimane fondamentali per il closing e il definitivo passaggio di proprietà tra Berlusconi e il Sino-Europe, gruppo cinese che ha già versato 100 milioni per l'acquisizione della società.

Trent'anni di Milan non possono passare inosservati, se poi in questo lasso di tempo si è vinto e rivinto tutto, ancora meno. Ma non solo. Abbiamo anche fatto 17 secondi posti. Inoltre abbiamo disputato 8 finali di Champions League. "Ho degli amici che mi fanno pensare, mi dicono di stupirmi per i 30 anni di durata, non c'è nessuno in europa che è durato 30 anni. C'è un coinvolgimento emotivo che non esistono in altri settori". Noi siamo l'oggetto, non il soggetto. Fininvest sta vendendo, ma teoricamente i manager che vengono compro-venduti potrebbero non sapere nulla.

Le critiche all'operato di Galliani e di tutto il Milan si sono fatte feroci negli ultimi tempi: "Non è cambiato nulla, è andato via Braida, ma abbiamo gli stessi osservatori di prima". Con il Milan ho vissuto il rapporto più lungo della mia vita, un rapporto meraviglioso.

Altre Notizie