Domenica, 25 Agosto, 2019

Energia, da ottobre cambiano le bollette, nel 2016 risparmi di 96 euro

Energia, da ottobre cambiano le bollette, nel 2016 risparmi di 96 euro Energia, da ottobre cambiano le bollette, nel 2016 risparmi di 96 euro
Esposti Saturniano | 30 Settembre, 2016, 22:09

Nel dettaglio, per l'elettricità, la spesa per la famiglia-tipo nell'anno scorrevole (compreso tra 1 gennaio 2016 e 31 dicembre 2016) sarà di 499 euro, con un calo dell'1,1% rispetto ai 12 mesi equivalenti dell'anno precedente (1 gennaio 2015-31 dicembre 2015), corrispondente ad un risparmio di 5 euro.

Perché la bolletta dell'energia elettrica scende?

Dopo che Confindustria ha presentato una richiesta di chiarimenti sull'andamento anomalo dei prezzi dell'energia elettrica, l'Autorità ha aperto un'indagine "per far cessare e perseguire le possibili condotte anomale dei mesi scorsi tenute dagli operatori dell'offerta e della domanda nei mercati all'ingrosso dell'elettricità".

Gli italiani fanno parte di un popolo di poeti e navigatori, ma rappresentano anche degli attenti consumatori che guardano con preoccupazione ai vari rincari di luce e gas che, periodicamente, influiscono sul bilancio famigliare.

Nel quarto trimestre del 2016 torna a scendere la bolletta dell'elettricità, mentre si registra un leggero incremento per la bolletta gas. L'aumento però è più contenuto del previsto.

In totale il risparmio della famiglia tipo nel 2016 sarà nell'ordine dei 96 euro rispetto al 2015.

Forma di energia ottenibile dalla trasformazione di altre forme di energia primaria (combustibili fossili o rinnovabili) attraverso tecnologie e processi di carattere termodinamico (ovvero che coinvolgono scambi di calore) che avvengono nelle centrali elettriche.

Roma, 29 set. - Bollette della luce piu' leggere dal prossimo mese di ottobre: secondo quanto riferisce l'Authority per l'Energia, il costo dell'elettricita' calera' dell'1,1%. Quest'ultima, a sua volta, è legata all'aumento delle quotazioni che i mercati all'ingrosso prevedono di applicare in vista del periodo autunnale. "Quasi certamente no. E' anzi probabile che si tratti di un segnale, che dimostra l'esistenza di un intollerabile meccanismo speculativo a danno dei consumatori".

Altre Notizie