Domenica, 25 Agosto, 2019

Borse europee in profondo rosso. Deutsche Bank devasta tutti i mercati

Credit Default Swap 5y su debito subordinato di Deutsche Bank dal 2015 ad oggi Credit Default Swap 5y su debito subordinato di Deutsche Bank dal 2015 ad oggi
Esposti Saturniano | 30 Settembre, 2016, 16:02

"Siamo fiduciosi che la grande maggioranza di loro abbiano una piena comprensione della nostra stabile posizione finanziaria, dell'attuale contesto macroeconomico, del contenzioso negli Stati Uniti e dei progressi che stiamo facendo con la nostra strategia" ha commentato Michael Golden, portavoce di Deutsche Bank. Ieri dieci hedge fund hanno ritirato liquidita' e ridotto la loro esposizione nei confronti dell'istituto teutonico, preoccupati per le sue condizioni finanziarie. Appare comunque sempre piu' probabile la necessita' di un aumento di capitale o di aiuti di stato a Deutsche Bank, interventi che, in entrambi i casi comporteranno una diluizione dell'azionariato.

SYDNEY contiene la flessione in poco più di mezzo punto, con i finanziari che spiegano oltre la metà del calo dell'indice, per le preoccupazioni legate alla saluta della Deutsche Bank.

A Milano penalizzato tutto il comparto bancario, con una raffica di sospensioni al ribasso per Unicredit, Bpm, Unipol e Banco Bopolare.

(Il Sole 24 Ore Radiocor Plus) - Milano, 30 set - Deutsche Bank ancora in crisi affossa i listini del Vecchio Continente e i titoli finanziari, anche se le perdite si sono ridotte e in alcuni casi dimezzate a meta' seduta rispetto ai livelli di avvio. Sul fronte dei cambi, l'euro è scambiato a 1,120 sul dollaro (da 1,1244 ieri in chiusura) e a 112,91 sullo yen (da 114,13). Deutsche Bank è però essenziale per la stabilità dei mercati in Europa: ha attività di vario tipo per un valore stimato intorno a 1.800 miliardi di euro, pari a quasi la metà dell'intera economia tedesca, e gestisce la principale banca di investimenti europea. Il rendimento del Bund decennale scende di 4 bp a -0,15%, quello del BTP sale di 3 bp all'1,25% (+1 bp per il Bono a 0,94%). Il differenziale tra i Bonos spagnoli e i Bund cresce a 106 punti e il tasso del decennale e' allo 0,08%. Per questo oggi è necessario un intervento strutturale sul sistema bancario europeo travolto in queste settimane dal crollo delle quotazioni di Deutsche Bank divenuta l'epicentro di una crisi che può rappresentare la fine dell'Unione Monetaria Europea. Tokyo cede dell'1,46%, Hong Kong dell'1,86% e Shanghai, in controtendenza, guadagna lo 0,21%.

Altre Notizie