Domenica, 25 Agosto, 2019

Russia, stop ai prodotti Microsoft: arrivano le alternative locali

Russia, stop ai prodotti Microsoft: arrivano le alternative locali Russia, stop ai prodotti Microsoft: arrivano le alternative locali
Acerboni Ferdinando | 30 Settembre, 2016, 13:22

Secondo Bloomberg infatti, Mosca inizierà a sostituire i prodotti del gigante tecnologico americano con del software locale, a seguito della sollecitazione di Vladimir Putin per fermare l'avanzata delle aziende straniere. Insomma, in risposta alle sanzioni la Russia sceglie, forzatamente, l'autarchia.

Il governo di Mosca ha già abbandonato i sistemi di Cisco per la sorveglianza della città per un software prodotto nel paese. La trasformazione del paese partirà da Mosca, con circa 6mila computer che rimuoveranno Microsoft's Exchange Server e Outlook a favore di epigoni locali. Per questo, ad essere investita del progetto legato alla "sostituzione" dei prodotti Microsoft è la compagnia New Cloud Technologies (in russo, Novye oblachnye technologhii), guidata da Rostelecom, l'operatore delle comunicazioni di Stato. Stilata, inoltre, una lista di 2.000 prodotti informatici russi in grado di sostituire software provenienti dall'estero.

In ogni caso questa mossa farà restare sul territorio russo circa 20 milioni di rubli, ovvero 295 milioni di dollari, somma che fino allo scorso anno la Russia ha speso per l'acquisto di software straniero. Basteranno queste iniziative a garantire alla Russia un'indipedenza tecnologica dagli Stati Uniti?

Altre Notizie