Sabato, 21 Settembre, 2019

11 settembre, Senato boccia veto Obama per cause a Ryad

11 settembre il Congresso annulla il veto di Obama sulle cause all'Arabia Saudita   
                       
                
         Ieri alle 09 11 settembre il Congresso annulla il veto di Obama sulle cause all'Arabia Saudita Ieri alle 09
Evangelisti Maggiorino | 29 Settembre, 2016, 14:15

Washington - Il Senato e la Camera hanno bocciato il veto presidenziale opposto da Barack Obama la scorsa settimana alla legge che autorizza i parenti delle vittime dell'11 settembre 2001 a fare causa all'Arabia Saudita.

È la prima volta che accade negli 8 anni d'amministrazione Obama ed accade a fine mandato. "Non è solo un grosso errore ma un precedente pericoloso che espone i militari americani all'estero al rischio di essere citati in tribunale da cittadini di Paesi stranieri" ha dichiarato il presidente degli Stati Uniti. Tra questi figura in cima alla lista l'Arabia saudita.

"E' la cosa più imbarazzante che il Senato abbia fatto in decenni", ha commentato il portavoce della Casa Bianca, Josh Earnest.

E Barack Obama sottolinea: "La preoccupazione che ho non ha nulla a che fare con l'Arabia Saudita di per sé o con la mia simpatia per le famiglie delle vittime".

Negli attentati dell'11 settembre 15 dei 19 dirottatori di Al Qaeda erano sauditi, ma Riad ha sempre negato qualsiasi ruolo negli attacchi che provocarono più di 3 mila vittime. La legge votata a larga maggioranza da Camera e Senato era stata bloccata da Obama per non aprire una crisi diplomatica senza precedenti con l'ormai ex migliore alleato di Washington nel Golfo.

In caso di adozione del provvedimento, Riyad aveva minacciato di ritirare i circa 750 miliardi di dollari di asset negli Usa oltre a vendere centianaia di miliardi di dollari di titoli del debito sovrano Usa. Il presidente si è trovato contro anche Hilary Clinton, pronta a firmare la legge se verrà eletta.

Altre Notizie