Mercoledì, 26 Giugno, 2019

Patto della lavagna: Renzi "insegna" la riforma costituzionale e le nuove pensioni

Quinta colonna con Matteo Renzi Terra! sui migranti Patto della lavagna: Renzi "insegna" la riforma costituzionale e le nuove pensioni
Esposti Saturniano | 27 Settembre, 2016, 22:11

Il Premier Matteo Renzi è tornato a parlare di quello che lo stesso ha definito il Patto della Lavagna, ricordando il contratto stilato da Silvio Berlusconi con gli italiani, nel corso di una partecipazione al programma Porta a Porta condotto da Bruno Vespa. "A quelli che arrivano fino a 750 euro - spiega - viene data oggi una quattordicesima, circa 40 euro al mese".

"Arrivare il più possibile vicino ai mille euro di pensione: vediamo se ce la facciamo". Ha ribadito come "gli ottanta euro non andavano ai pensionati" in quanto è stata portata avanti "una misura che riguardava il lavoro, poi la tassa sulla prima casa e tasse agricole".

Il premier non ha parlato dei lavoratori precoci che in questi mesi si sono mobilitati per sensibilizzare sulla loro richiesta di andare in pensione con 41 anni di contributi versati, né delle altre categorie di pensionandi in attesa di risposte dal Governo e sui diversi gruppi social di pensionandi si rincorrono i commenti di delusione da un lato e dall'altro di speranza per l'incontro che mercoledì vedrà confrontarsi sulle pensioni tra i tecnici del Governo, il ministro del lavoro, Giuliano Poletti e i sindacati. "Non useremo i cittadini come Bancomat", ha affermato Renzi, ma saranno fatte delle riforme per "dare una mano", anche se "è ancora piccola", ha sottolineato. Attenzione: si tratta di materia al centro di trattativa, quindi fino a quando non si riunirà il tavolo non ci sono certezze, ma di fatto questa affermazione rappresenta una novità.

Molte delle persone con cui ha parlato, ha aggiunto il Premier Renzi, hanno detto che il 5% non va bene, altri preferiscono andare in pensione: è una scelta, nessuno deciderà per conto degli altri. L'obiettivo del governo sarebbe quello di aumentare gli assegni fino ai mille euro.

Il menu è completato da alcune esigenze inderogabili che si ripresentano ogni anno, come le agevolazioni per particolari categorie. "A questi raddopiamo la quattordicesima, in un'unica soluzione".

Il "patto della lavagna" prevede anche la conferma dell'anticipo pensionistico Ape.

Dagli stipendi dei senatori ai rimborsi dei gruppi passando per le spese dei funzionari. Lo ha detto Matteo Renzi, presidente del consiglio, a Quinta Colona, su Rete Quattro. Non resta che attendere l'esito dell'incontro di oggi per sapere se questa per i pensionati e per chi vuole andare in pensione potrà essere la volta buona.

Altre Notizie