Giovedi, 18 Luglio, 2019

Yahoo: hacker rubano 500 milioni di informazioni

Michelle e Barack Obama Michelle e Barack Obama
Evangelisti Maggiorino | 25 Settembre, 2016, 12:52

Il motore di ricerca conferma l'aggressione informatica nel 2014 e il furto di informazioni personali di 500 milioni di clienti sul miliardo totale della società. Il passaporto di Michelle Obama, infatti, sarebbe finito nelle mani degli hacker che lo hanno diffuso in rete insieme a e-mail personali attribuite a dipendenti della Casa Bianca. Anche in questo caso si ipotizza l'azione di uno Stato straniero.

Secondo fonti interne la breccia nella misure di sicurezza informatiche comprenderebbe anche alcune email scambiate con lo staff della Casa Bianca e metterebbe in risalto la fragilità dei sistemi di sicurezza dopo una serie analoga di invasioni.

I dati rubati includono i nomi degli utenti, le date di nascita e altri loro indirizzi e-mail. Negli ultimi tempi diverse società americane sono state vittime di attacchi hacker da parte di soggetti legati a governi stranieri, e i sospetti principali sono caduti su Russia e Cina. Già inizio agosto un hacker che si faceva chiamare "pace" aveva messo in vendita sul dark web circa 200 milioni di account Yahoo!.

Una notizia che precede di poco l'imminente vendita del core business di Yahoo! al leader delle comunicazioni Verizon e che adesso potrebbe essere a rischio. A livello di immagine, però, lo schiaffo è pesante.

La Casa Bianca non ha commentato sulla validità del documento di Michelle, ma il portavoce Josh Earnest ha assicurato che l'amministrazione Obama prende molto sul serio la questione. Lautore dellattacco sarebbe il DC Leaks, gruppo legato forse ai servizi segreti russi. Anche il ministro della giustizia Loretta Lynch ha ammesso che si tratta di "qualcosa che stiamo esaminando".

Altre Notizie