Mercoledì, 17 Luglio, 2019

Schwazer: "Non torno a correre, mi aspetto delle scuse"

Verissimo Alex Schwazer parla del complotto contro di lui. Sul suo ritorno nessuna speranza Schwazer: "Non torno a correre, mi aspetto delle scuse"
Cacciopini Corbiniano | 23 Settembre, 2016, 21:06

L'atleta parlerà per la prima volta della sua squalifica e della sequestro da parte della Procura di Bolzano del campione di urine incriminato. "Sono stato sicuramente incastrato e quello che adesso resta da capire e' come e da chi" ha detto l'altoatesino che non sa quando arriveranno i risultati del test. "Non lo sappiamo perche' deve ancora essere fatto e lo fara' la Procura di Bolzano".

Sul doping ammette, Alex Schwazer non tornerebbe mai a doparsi: "Mai, perché ho perso tantissimo".

"Se vuoi vederlo dal punto di vista sportivo non ne ho bisogno". Ma sicuramente, se non mi fossi trovato in una giornata molto storta, sarei stato davanti. "Poi 4/5 anni fa, quando già tutti sapevano dei russi, io ho collaborato con la loro agenzia antidoping", ha raccontato Schwazer. Lei non è stata accettata perché eticamente non corretta per il fatto che in passato si è dopata. "Sono tempi buoni ma non super tempi".

Schwazer:

In questa situazione, però l'atleta potrebbe mettere le scarpette al chiodo. Il suo ritiro, a squalifica confermata, è sempre più vicino: "sono squalificato per otto anni. E poi non saprei cosa potrei fare di più dei controlli a cui mi sono sottoposto in questo anno".

Così invece sulle possibilità di rivederlo in una competizione ufficiale: "Non penso ci siano speranze che io torni a gareggiare tra otto anni", una dichiarazione che non sembra lasciare spazio a molte interpretazioni sul futuro del marciatore altoatesino. "Non lo so. Dopo questa esperienza ho anche ben poca fiducia". "Quando si capirà chi mi ha fatto questo mi aspetto, anche se raro in questo paese, delle scuse" ha detto il marciatore, che, insieme all'allenatore Donati, continua a sostenere la propria innocenza. Cio' servira' a conoscere, tramite il delicato esame del DNA, se le urine del primo gennaio sono realmente quelle di Alex Schwazer oppure se all'interno vi sono presenti altri DNA.

Altre Notizie