Giovedi, 18 Luglio, 2019

Roma 2024, 'Candidatura irresponsabile'. Scontro tra Raggi e Malagò

Roma 2024, 'Candidatura irresponsabile'. Scontro tra Raggi e Malagò Roma 2024, 'Candidatura irresponsabile'. Scontro tra Raggi e Malagò
Deangelis Cassiopea | 22 Settembre, 2016, 17:14

Le motivazioni portate dalla SindacaRaggi sono molto simili a quelle espresse un anno fa in Aula Giulio Cesare dagli scranni dell'opposizione e comunque rimangono generiche, non supportate da alcun numero su questa candidatura e quindi del tutto inconsistenti. Così il presidente del Coni, Giovanni Malagò, intervenendo a Radio Anch'io in onda su Radio1 all'indomani del 'no' della sindaca di Roma, Virginia Raggi, alla candidatura della Capitale a organizzare le Olimpiadi del 2024. Il vicesindaco di Roma Daniele Frongia sottolinea: "Se il nostro no comporta un danno erariale?" La stessa Raggi dichiarò in campagna elettorale che 'oggi pensare ai giochi è da criminali'.

Dopo il no alle Olimpiadi il sindaco ha rilanciato: "Noi siamo propositivi, amiamo lo sport e vogliamo che sia parte integrante della vita dei cittadini, vogliamo una qualita' della vita migliore, che gli impianti vengano ripristinati, vogliamo uscire dalle logiche emergenziali e dei grandi eventi che portano grandi soldi e debiti ancora piu' grandi".

È stata scelta l'immagine di Ponte Sant'Angelo per collegare idealmente la città di Roma con le altre 12 città che ospiteranno tra quattro anni Euro 2020, l'edizione che celebra i 60 anni della competizione che per la prima volta avrà una formula itinerante. Con queste Olimpiadi ci chiedono di fare altri debiti per i romani: noi non ce la sentiamo. "Il referendum c'è stato al ballottaggio e il 70% votando M5S ha detto No", è il pensiero della sindaca. E' quanto si apprende dal Campidoglio.

Subito dopo l'ufficializzazione, Beppe Grillo ha telefonato alla sindaca: "Ho seguito in diretta, brava".

Il presidente del Coni, Giovanni Malagò è a Palazzo Chigi per il programmato incontro con il presidente del Consiglio Matteo Renzi. "Abbiamo stravolto le nostre agende per essere puntuali e per più di mezz'ora abbiamo aspettato". "La sua fu vista come una posizione responsabile - argomenta Virginia Raggi -, mentre oggi con i dati macroeconomici drasticamente peggiorati sono un affare". "Appena arrivata - ha dichiarato - ho fatto avvisare Malagò, ed è in quel momento che il presidente del Coni ha deciso di andarsene".

Altre Notizie