Martedì, 22 Ottobre, 2019

Nel Torinese, in manette la banda dei finti finanzieri: 6 arresti

Si fingevano finanzieri ma erano spietati rapinatori sei arresti 2 Si fingevano finanzieri ma erano spietati rapinatori sei arresti 2
Evangelisti Maggiorino | 17 Settembre, 2016, 09:57

Il capo è di Chivasso, e sempre di Chivasso è anche uno degli arrestati. Ribattezzati la banda dei finanzieri, visto che per farsi aprire la porta dalle loro vittime o per convincerle a fermarsi in mezzo alla strada usavano finte divise e pettorine delle fiamme gialle fingendo di dover eseguire un controllo fiscale.

L'accusa per tutti è di associazione per delinquere finalizzata a reati tra cui rapina aggravata, sequestro di persona, porto di armi comuni da sparo, detenzione di materiale esplodente e munizioni, ricettazione, lesioni gravi. Gli investigatori hanno accertato un bottino di circa 200mila euro. Venivano bloccate con fascette di plastica e derubati.

Alcune vittime sono state anche picchiate e sequestrate in casa o chiuse nel bagagliaio delle loro auto.

Per quanto riguarda le rapine agli uffici postali, i rapinatori con il volto coperto e armati di pistola bloccavano i dipendenti prima di entrare e una volta dentro svuotavano le casse.

Svolta a Torino nelle indagini riguardanti le rapine nelle ville e negli uffici postali che, per mesi, hanno terrorizzato la zona del torinese: dopo un anno di perquisizioni e ricerche, la Polizia ha arrestato i sei componenti della cosiddetta "banda dei finanziari".

Le indagini, iniziate nell'ottobre del 2015, hanno permesso di recuperare persino 344 grammi di tritolo, micce esplodenti e detonanti, armi, caricatori e materiale per il confezionamento dei proiettili.

Si ritiene che il gruppo criminale abbia commesso numerose rapine in Piemonte, anche in Canavese. L'ordinanza di custodia cautelare in carcere è stata disposta dal gip del Tribunale di Ivrea.

Altre Notizie