Giovedi, 21 Novembre, 2019

Salvini: "Ciampi fu uno dei traditori"

Carlo Azeglio Ciampi- ANSA Carlo Azeglio Ciampi- ANSA
Acerboni Ferdinando | 16 Settembre, 2016, 22:47

"Presenterò un esposto alla Procura della Repubblica perchè valuti tutti i possibili riflessi penali delle affermazioni di Matteo Salvini nei confronti di Carlo Azeglio Ciampi, Giorgio Napolitano, Romano Prodi e Mario Monti".

"La morte è sempre una brutta notizia - ha detto il segretario della Lega Nord - di fronte alla quale si deve preghiera e cordoglio".

Cordoglio per Carlo Azeglio Ciampi, ma "è morto uno dei traditori dell'Italia". Politicamente parlando, è uno che si porta sulla coscienza il disastro di 50 milioni di italiani.

"Salvini, poverino, non sa di cosa parla". Salvini aveva definito Ciampi "uno dei traditori dell'Italia". "Ricordare come traditore della patria il presidente emerito Ciampi nel giorno della sua scomparsa è un atto vile e indegno - sottolinea Pedica - Oggi più che mai Salvini ha perso un'altra buona occasione per stare zitto". Primo presidente del Consiglio e primo capo dello Stato non parlamentare nella storia della Repubblica, Ciampi fu anche il secondo presidente della Repubblica eletto dopo essere stato governatore della Banca d'Italia, preceduto da Luigi Einaudi nel 1948. Un politico inutile all'Italia. Tra le reazioni anche le parole del ministro dell'Ambiente, Gian Luca Galletti.

"Ciampi è stato un uomo che ha illuminato le istituzioni e un grande servitore dello Stato", scrive la deputata Daniela Santanchè.

Altre Notizie