Sabato, 26 Settembre, 2020

Joao Mario: "Voglio ripagare la fiducia della società"

Icardi Vincere l'Europa League con l'Inter sarebbe fantastico Joao Mario: "Voglio ripagare la fiducia della società"
Cacciopini Corbiniano | 16 Settembre, 2016, 22:09

Roma, 16 set. (askanews) - "L'Inter la conoscevo già e adesso spero di trovarmi bene qui".

Dopo aver sfilato davanti ai tifosi al San Siro, con una sciarpa nerazzurra al collo e al fianco di Javier Zanetti, Joao Mario ha parlato in conferenza stampa al centro sportivo "Angelo Moratti" di Appiano Gentile. Voglio ripagare l'Inter della fiducia.

Quando gli viene chiesto cosa rappresenta l'Inter per lui, risponde: "Questa società ha una dimensione straordinaria dove sono passati campioni come Figo e grandi allenatori come Mourinho. Ma la cosa più importante è la squadra e mi adatterò alle esigenze della squadra". L'dentità della squadra parte da uomini che manovrano in campo sia in fase di costruzione che in attacco e dal modulo, cambiarlo spesso non è mai un bene, si crea solo confusione in campo.

Mi è sempre piaciuto il numero 6, è stato il numero di tanti grandi campioni del passato. Non potrà giocare la Champions in nerazzurro ma nessun rimpianto: "Avevo la possibilità di continuare nello Sporting Lisbona, ma sentivo la necessità di misurarmi in altre realtà".

EUROPEO - "Quando si gioca con calciatori come Cristiano Ronaldo inevitabilmente ti trasmette la sua mentalità e il suo temperamento". Anche perché l'evoluzione del progetto di De Boer prevede la presenza di un centrocampista come Medel, più portato alla copertura e al recupero del pallone piuttosto che alla costruzione della manovra. L'Inter però stenta: "Sono stato pagato tanto ma quando c'è qualità e fiducia è più facile portare il peso". "Bisogna parlare poco e lavorare tutti tanto". Non vanno trovate giustificazioni a quello che è successo ma risolvere problemi. Abbiamo fatto una brutta partita, ma in EL è la prima di sei gare, dobbiamo ancora farle tutte, ci vuole calma ma allo stesso tempo si deve prendere coscienza che dobbiamo lavorare molto.

E sulla figuraccia dell'Inter in coppa, il portoghese dice: "L'atmosfera è comunque positiva, domenica abbiamo vinto e ci sono le premesse per fare bene". "Questo è un piccolo momento di difficoltà ma possiamo venirne fuori con il piglio giusto già contro la Juventus". "Per me è importante dare l'esempio".

Altre Notizie