Domenica, 25 Agosto, 2019

Pensioni, l'uscita dei lavoratori precoci ha costi alti - Poletti

Pensioni, l'uscita dei lavoratori precoci ha costi alti - Poletti Pensioni, l'uscita dei lavoratori precoci ha costi alti - Poletti
Esposti Saturniano | 15 Settembre, 2016, 11:28

Riforma pensioni, dal ministro Poletti doccia gelata sull'Ape.

"Il problema dei lavoratori precoci è molto difficile da affrontare, perché ha un livello di costo molto alto". Così il ministro del Lavoro Giuliano Poletti, durante un convegno organizzato dal Cupla (Coordinamento Unitario dei Pensionati del Lavoro Autonomo), sul tema delle pensioni.

Le ultime notizie sulle pensioni riportano quindi in primo piano la diatriba su quota 41 per i precoci. "Non ci si può immaginare che chi ha iniziato a lavorare molto presto debba inseguire poi per tutta la vita il diritto ad andare in pensione", ha affermato Le contrattazioni tra Governo e parti sociali non sono finite: rimane da sciogliere anche il mistero sulle risorse che verranno messe a disposizione e "l'intesa non è scontata", ha precisato la Camusso. Sempre per quanto riguarda le pensioni dei lavoratori precoci, il ministro del Lavoro Poletti, di fatto, non ha chiuso la porta in maniera definitiva, sottolineando come nel corso dei prossimi giorni occorrerà fare i conti per capire quali misure più idonee poter proporre ai sindacati per la categoria in questione nel confronto del prossimo 21 settembre. E, come già detto, il nodo da sciogliere resta sul "bonus" da riconoscere ai precoci, vale a dire se garantire o meno l'extracontribuzione di 4-6 mesi per ogni anno di lavoro svolto prima dei 18 anni.

Sembra invece essere stato depennato il bonus da 2 mesi, come ha confermato, nella serata di ieri, Roberto Occhiodoro, il rappresentante della delegazione dei precoci che, secondo le dirette testimonianze dell'amministratore del gruppo Facebook 'Lavoratori precoci uniti a tutela dei propri diritti' avrebbe avuto un incontro con alcuni rappresentanti del governo. Lo stesso ministero del Lavoro in una nota scrive che la riunione di mercoledì 21 settembre avrà l'obiettivo di "Delineare una sintesi sui risultati del ciclo di incontri sui temi della previdenza e delle politiche del lavoro avviato il 24 maggio". I leader di Cgil, Cisl e Uil hanno sottolineato l'importanza del prossimo incontro, citando direttamente i precoci.

Altre Notizie