Giovedi, 20 Giugno, 2019

Equitalia, Maroni: in Lombardia abolite le cartelle esattoriali

Esposti Saturniano | 15 Settembre, 2016, 08:52

TRIBUTI REGIONALI - Il presidente lombardo, ha chiarito che questo nuovo modello di riscossione, riguarderà i soli tributi regionali, perché sugli altri la Regione Lombardia non ha potere di intervenire. E lo fa in diretta tv, in una trasmissione di canale 5.

Ad occuparsi della riscossione delle tasse regionali in Lombardia non sarà più Equitalia. Maroni ha quindi precisato che con il nuovo sistema "si avvisano i cittadini che non hanno pagato un tributo: se il motivo è perché non possono a causa di problemi, la Regione, che ha tutto l'interesse a incassare quanto le è dovuto, sarà disposta a ad andare loro incontro, tramite la rateizzazione o altre formule".

Che tipo di tributi.

"La decisione - prosegue la Nota - e' stata assunta nel corso dell'odierna seduta della Giunta regionale, che ha sancito l'avvio del nuovo sistema di riscossione coattiva a partire dal 15 settembre 2016, attraverso il nuovo Concessionario RTI Publiservizi srl e Duomo GPA srl, individuato mediante una gara ad evidenza pubblica, su scala europea".

Via la cartella arriva l'avviso bonario.

"Voglio un fisco umano, che colpisca gli evasori veri ma abbia comprensione per chi vive delle reali difficoltà" ha ribadito il governatore. "Siamo la prima Regione a farlo". "Il primo - spiega Maroni - è una riduzione dell'aggio, cioé quanto la Regione paga al concessionario". Prima era l'8% ora e' il 5,9%.

Questo passo importante, significa per la Regione, una riduzione dei costi, riduzione delle spese per i contribuenti e un rapporto con i cittadini e le imprese rispettoso e attento alle esigenze individuali.

Altre Notizie