Venerdì, 22 Novembre, 2019

Belsito rinviato a giudizio per evasione fiscale e intestazione fittizia di beni

Il tesoriere e vice presidente del Nuovo Msi-Destra Nazionale Francesco belsito rinviato a giudizio Il tesoriere e vice presidente del Nuovo Msi-Destra Nazionale Francesco belsito rinviato a giudizio
Evangelisti Maggiorino | 14 Settembre, 2016, 20:47

Genova. Inizierà il prossimo 12 gennaio il processo a Francesco Belsito.

Oggi il politico genovese, di origini calabresi, è stato rinviato a giudizio dal gup del Tribunale di Genova per evasione fiscale ed intestazione fittizia di beni.

L'esponente leghista, secondo l'accusa, avrebbe dovuto dichiarare al fisco la cifra di circa sette milioni di euro sottratti illecitamente alle casse del Carroccio quando era tesoriere. Poi tesoriere della Lega Nord di Umberto Bossi e quindi espulso nel 2012 dal Carroccio "su decisione unanime del consiglio federale".

La guardia di finanza a fine gennaio aveva sequestrato a Belsito una serie di beni ritenuti nella sua disponibilità: le quote societarie del Bar Balilla di via Cesarea, un appartamento da 700mila euro nella stessa strada, le quote della società Movida srl, che gestiva la discoteca Sol Levante di Cavi di Lavagna. Secondo l'accusa, avrebbero usato i fondi pubblici per acquisti personali. Belsito è indagato anche nell'inchiesta sull'associazione a delinquere finalizzata a intercettare le commesse di aziende a partecipazione pubblica, tra cui Siram, Fincantieri e Grandi Navi Veloci.

Altre Notizie