Mercoledì, 23 Ottobre, 2019

Istat: nel II trimestre +189mila occupati, in un anno +439mila

Un aumento del numero di occupati rispetto al trimestre dell’anno scorso Un aumento del numero di occupati rispetto al trimestre dell’anno scorso
Esposti Saturniano | 12 Settembre, 2016, 11:39

Il tasso di occupazione sale di 0,5 punti, soprattutto per i 15-34enni (+0,8 punti) e per i 50-64enni (+0,6 punti). Passi avanti per tutte le principali tipologie: per i dipendenti a tempo indeterminato +0,3%, per quelli a termine +3,2% e per gli indipendenti +1,2%. La fotografia scattata dall'Istat spiega che, da aprile a giugno, ci sono stati 198 mila occupati in più rispetto al trimestre precedente, un incremento dello 0,8 per cento.

Nel dettaglio, l'incidenza dei Neet è maggiore tra le donne (24,4% contro 20,3% gli uomini), è doppia nel Mezzogiorno in confronto al Nord (31,5% e 15,3%, rispettivamente), è minima tra i 15-19enni (8%) - in gran parte ancora studenti - fino ad arrivare al 31,0% tra i 25-29enni.

Il tasso di posti vacanti nelle imprese con almeno 10 dipendenti cala di 0,1 punti percentuali rispetto al trimestre precedente mentre rimane invariato su base annua. Le tendenze piu' recenti, misurate dai dati mensili relativi a luglio 2016 mostrano, al netto della stagionalita', un'interruzione della tendenza positiva registrata nei quattro mesi precedenti, con un calo degli occupati concentrato nella componente indipendente, a fronte di una sostanziale stabilita' dei dipendenti. Lo ha comunicato l'Istat che ha diffuso i dati sul mercato del lavoro nel secondo trimestre. "L'input di lavoro utilizzato complessivamente dal sistema economico (espresso dalle ore lavorate di Contabilità Nazionale) registra aumenti dello 0,5% su base congiunturale e del 2,1% in termini tendenziali".

Altre Notizie