Sabato, 20 Luglio, 2019

Addio Mario Spezi il giornalista scrittore del Mostro di Firenze

Cesare Ferrario Firenze giornalista mostro firenze inchiesta morto Firenze indagini mostro Firenze Mario Spezi morte Firenze morto Mario Spezi mostro firenze Addio Mario Spezi il giornalista scrittore del Mostro di Firenze
Evangelisti Maggiorino | 09 Settembre, 2016, 14:19

E' morto la notte scorsa a Firenze Mario Spezi, il giornalista che ha legato la sua carriera professionale alla vicenda del "mostro di Firenze".

Dopo aver esordito nel mondo del giornalismo collaborando con 'Paese Sera' e 'Nazione Sera', nel 1975 entrò al quotidiano fiorentino 'La Nazione'.

Negli ultimi anni ha collaborato con il "Corriere Fiorentino". Nato a Sant'Angelo in Vado (Pesaro-Urbino), la sua carriera si è poi svolta a Firenze, in particolare a La Nazione, come cronista di nera e giudiziaria, occupandosi anche delle pagine culturali. E' autore anche della sceneggiatura del film 'Il mostro di Firenze', con la regia di Cesare Ferrario (1986). Nel 2006 Mario Spezi venne arrestato, assieme al collaboratore Michele Ruocco, su ordine della Procura di Perugia con l'accusa di depistaggio, calunnia, concorso in omicidio di Francesco Narducci e turbativa di servizio pubblico, proprio in relazione alla sua indagine privata sui delitti del "mostro di Firenze". E' stato anche un apprezzato vignettista. Spezi era malato da tempo, famoso per le sue inchieste è autore di numerosi romanzi e saggi, tra cui un libro scritto con il giornalista americano Douglas Preston dal titolo "Dolci colline di sangue". A quell'esperienza, da cui fu completamente scagionato, dedicò un libro, 'Inviato in galera.

Le sue inchieste sul Mostro di Firenze lo portarno anche in carcere per 23 giorni, prima che la Corte di Cassazione lo scagionasse ritenendo l'arresto infondato.

Altre Notizie