Martedì, 18 Giugno, 2019

Palermo, omicidio di Roberto Frisco: 5 arresti

Roberto Frisco Roberto Frisco
Machelli Zaccheo | 08 Settembre, 2016, 23:11

Cinque persone sono state arrestate oggi dai carabinieri di Palermo con l'accusa di aver partecipato alla rissa che la sera del 25 giugno scorso portò alla morte Roberto Frisco, accoltellato a morte in strada nel quartiere Cruillas di Palermo. Secondo il provvedimento cautelare emesso dal Gip sussistono gravi indizi di colpevolezza a carico di ciascuno degli indagati.

Gli odierni arrestati sono Francesco Frisco, Giuseppe Frisco, Nunzio Lo Piccolo, Giuseppe Lo Piccolo e Salvatore Lo Piccolo. Si tratta delle 5 persone coinvolte nella violenta rissa scoppiata per uno sguardo di troppo rivolto a Francesco Frisco, 20 anni, da parte di un ex amico con il quale da qualche tempo i rapporti non erano più buoni. Le indagini dei carabinieri, coordinate dal procuratore aggiunto Salvatore De Luca e dai sostituti Francesco Del Bene e Giuseppina Motisi, hanno consentito di ricostruire i fatti nei minimi particolari. Questi, transitando sotto casa di Francesco Frisco aveva casualmente incrociato il suo sguardo suscitandone l'ira. "Il giovane fattorino, dopo aver terminato di lavorare, raccontava quanto aveva subito al suo amico Lo Piccolo Nunzio, il quale decideva di recarsi presso l'abitazione di Frisco Francesco con l'intento di ricomporre l'alterco". Frisco, quindi, lo ha raggiunto poco dopo all'interno della pizzeria dove D.G. svolgeva l'attività di fattorino, e lo ha aggredito sferrandogli pugni e colpendolo con uno sgabello. A quel punto però sia Lo Piccolo che D.G. sono stati di nuovo aggrediti Francesco Frisco che, impugnando un martello, li colpiva con violenza agli arti ed al capo. In quella sede, i Lo Piccolo sono accusati di omicidio e tentativo di omicidio, i Frisco di tentativo di omicidio e lesioni personali. Accompagnato dal padre Giuseppe e dal fratello Salvatore, e' tornato nell'abitazione di Frisco, sostenuto a sua volta dal fratello Roberto e dal padre Giuseppe. Ne e' scaturito un violento tafferuglio sfociato nella morte di Roberto Frisco e nel grave ferimento di quasi tutti i compartecipi.

I rilievi scientifici e le attività tecniche hanno consentito di ricostruire, considerata l'assenza di testimoni, il ruolo di ciascuno dei partecipanti alla rissa innescatasi tra i due nuclei familiari: il trasporto in ospedale, ha colpito Nunzio Lo Piccolo, recidendogli l'arteria femorale. La Procura aveva già richiesto il giudizio immediato per tutti gli indagati e il relativo processo si celebrerà a novembre prossimo.

Altre Notizie