Martedì, 18 Giugno, 2019

Prof sgozzata in casa. Gianna e il marito non erano soli

Omicidio Seriate Prof sgozzata in casa. Gianna e il marito non erano soli
Acerboni Ferdinando | 03 Settembre, 2016, 10:20

Stando alle prime indiscrezioni, però, non sono stati trovati segni d'effrazione nell'appartamento. Gli uomini dell'Arma hanno ascoltato anche un presunto testimone.

Il pm di Bergamo Laura Cocucci ha iscritto Antonio nel registro degli indagati, un atto necessario per compiere ulteriori accertamenti investigativi. L'analisi scientifica delle macchie di sangue sarà fondamentale per capire dove si trovasse quando la donna è stata colpita: un conto sono infatti le macchie ematiche che restano sugli abiti quando si soccorre una persona a terra in un lago di sangue e un altro sono gli schizzi ematici che raggiungono gli indumenti dell'omicida durante un delitto. A differenza della mattina, la sera a cena la famiglia era stata tranquilla: in casa c'erano, ospiti dei genitori, uno dei figli con la moglie.

Omicidio la notte scorsa a Seriate, in provincia di Bergamo, in una villetta di via Montecampione.

Pietro Mavuli è stato arrestato poco dopo il delitto. Inoltre, non si trova l'arma usata per uccidere Gianna Del Gaudio.

A dare l'allarme il marito, che ha telefonato ai Carabinieri dicendo di aver visto un ladro incappucciato uscire dalla villetta per poi trovare la moglie morta in cucina.

L'esame autoptico potrebbe chiarire ulteriormente le dinamiche della morte di una donna, la cui vita era del tutto irreprensibile, come del resto quella del marito: per il momento il giallo della sua drammatica morte, sulla quale indagano i carabinieri di Seriate e Bergamo, è tutt'altro che chiarito.

Altre Notizie