Mercoledì, 19 Giugno, 2019

Vettel promuove la Ferrari. "Positiva, c'è potenziale"

A generica Vettel promuove la Ferrari. "Positiva, c'è potenziale"
Acerboni Ferdinando | 02 Settembre, 2016, 18:37

Giornata di conferenza stampa a Monza.

Ha colpito la Ferrari di Kimi Raikkonen per ben due volte, durante il Gran Premio del Belgio. Pensavamo di essere pronti ad affrontare i problemi prestazionali che sapevamo sarebbero arrivati per la mancanza di aggiornamenti al motore, ma è stata più difficile di quanto ci aspettassimo. "Io devo attaccare, non ho motivo per cambiare nulla". E' arrivato il momento, sono felice ed emozionato, posso dire di aver avuto e ho ancora una carriera bellissima, sono riuscito a conquistare tutto quel che volevo, sono onorato. L'incidente al via è stato sfortunato. Dobbiamo migliorare, la macchina ha più potenziale di quello che abbiamo espresso, le sensazioni sono buone ma dobbiamo dimostrarlo in ogni curva. "Vogliamo lottare per il campionato, ma come dimostrano i risultati finora non siamo stati abbastanza veloci". Il ritiro di Massa? "E' un ragazzo molto in gamba". Ma il problema principale è che cambiano le valutazioni dei commissari, non c'è uniformità. Max ha deciso di non rallentare e di inserirsi nella lotta. "Non c'è sufficiente coerenza, e credo che su questo siamo tutti d'accordo".

Esteban Gutierrez (Haas): "Credo che possiamo pensare ai punti, l'obiettivo è chiudere con regolarità nelle prime dieci posizioni". I meccanici del Team Ferrari infatti hanno già terminato di montare la SF16-H di Raikkonen (solitamente era una degli ultimi Team a terminare il lavoro, nel pomeriggio dei giovedì di gara), e di prima mattina si sono già messi ad effettuare molto prove di Pit Stop. Un'ala anteriore che presenta una minore area frontale e che quindi va a generare meno resistenza all'avanzamento oltre che un minore carico aerodinamico rispetto all'ala anteriore più "classica". "La strada è molto positiva". Abbiamo fatto fatica ad avvicinarsi alla top ten. E' molto semplice, non siamo stati abbastanza veloci, non abbiamo raccolto punti a sufficienza.

"Sicuramente ci sono state delle circostanze sfortunate non c'è tantissimo da discutere con Seb (Vettel ndr.), mi ha detto che gli dispiaceva e andiamo avanti".

Quello di Spa-Francorchamps è stato un weekend da dimenticare anche per Kevin Magnussen. Ho sentito solo un pò di dolore e mi sono ripreso in un paio di giorno. Non ci saranno più evoluzioni sino ad Abu Dhabi per la Rossa, mentre ancora qualcosa in serbo hanno ancora Honda e Mercedes, con rispettivamente tre e sei gettoni.

Altre Notizie