Venerdì, 19 Luglio, 2019

Wind-3 Italia: la Ue approva la fusione

Via libera dell'Ue a fusione Wind-H3G con ingresso di Iliad Wind-3 Italia: la Ue approva la fusione
Esposti Saturniano | 01 Settembre, 2016, 22:39

La Commissione europea ha approvato la proposta di joint venture in Italia tra le imprese di telecomunicazioni Hutchison e VimpelCom. Come si legge sul comunicato ufficiale diramato dalla Commissione Europea "l'approvazione è subordinata alla cessione di attività in misura sufficiente a consentire l'ingresso sul mercato di un nuovo operatore".

A guidare la nuova entità che nascerà dall'integrazione fra Wind e 3Italia sarà Maximo Ibarra, attuale Ceo di Wind.

Con la fusione, si avrà un miglioramento del mercato delle telecomunicazioni, fino all'ingresso di Iliad, probabilmente tra due anni, anche se gli analisti dicono che il mercato italiano è ben diverso da quello francese, dove Iliad ha avuto un gran successo. Insomma i due big della telefonia potranno "crescere sfruttando i vantaggi della fusione delle rispettive attività, mentre gli utenti italiani di telefonia mobile continueranno a beneficiare di una concorrenza effettiva". "La decisione di oggi - ha aggiunto Vestager - fa sì che in Italia il settore rimanga competitivo, in modo che i consumatori possano continuare a godere di servizi mobili innovativi a prezzi equi e su reti di qualità". "E dimostra anche che possono crescere tramite l'espansione transfrontaliera, come Iliad in questo caso". I clienti beneficeranno anche di una migliore copertura di rete, di una più veloce diffusione dell'ultra broadband mobile (4G/LTE), oltre che di una maggiore affidabilità e velocità di download. Di fatto, il trasferimento dei blocchi di frequenze e dei siti di stazioni base mobili permetterà al nuovo operatore di sviluppare e lanciare la propria rete in Italia e di proporsi come quarto operatore di telefonia mobile, fornendo servizi al dettaglio ai consumatori e servizi di accesso all'ingrosso agli operatori virtuali di rete.

"Questa soluzione compensa la perdita di concorrenza e assicura che l'operazione non penalizzi gli utenti italiani", ha detto il Commissario Vestager, sottolineando che "...

Flavio Cattaneo, amministratore delegato di Telecom Italia, a proposito dell'arrivo di Iliad ha affermato che "noi comunque siamo pronti ad affrontare un nuovo concorrente".

Andando a formare una terza "coalizione", sotto forma di joint venture, 3 e Wind avrebbero aumentato la competitività tra le aziende rimaste nel mercato, riducendo però la possibilità di scelta tra i potenziali clienti. Le due corporation hanno acconsentito a liberarsi di un certo numero di asset, "trasferendo" o condividendo importanti risorse infrastrutturali con Iliad, che includono migliaia di siti per l'installazione di stazioni base.

CONCESSIONI A ILIAD. Per rispondere alle preoccupazioni di Bruxelles i due operatori prossimi al matrimono si sono impegnati a cedere al nuovo operatore di una parte del loro spettro radio mobile.

Altre Notizie