Venerdì, 13 Dicembre, 2019

Lavoro, a luglio calano gli occupati: sono 63mila in meno

Disoccupazione all'11,4% ma aumentano gli inattivi Lavoro, a luglio calano gli occupati: sono 63mila in meno
Evangelisti Maggiorino | 31 Agosto, 2016, 21:36

A luglio, per la prima volta dopo quattro mesi, la stima degli occupati scende: rispetto a giugno la diminuzione è dello 0,3% (-63 mila). A luglio - comunica l'Istat - il tasso scende all'11,4%, in calo di 0,1 punti percentuali su giugno.

Tra i giovani (età tra 15 e 24 anni) i disoccupati sono 614 mila, in aumento del 3,9% rispetto a giugno (+23 mila) e del 2,2% rispetto a dodici mesi prima (+13 mila).

Su base annua si conferma la tendenza all'aumento del numero di occupati (+1,2%, pari a +266.000).

Questa discrepanza tra i due dati risiede anche nel fatto che l'istituto di statistica considera come occupati persone che "hanno svolto almeno un'ora di lavoro (nella settimana di riferimento, ndr) in una qualsiasi attività che preveda un corrispettivo monetario o in natura (sic)" oppure che "hanno svolto almeno un'ora di lavoro non retribuito nella ditta di un familiare nella quale collaborano abitualmente". Tale incidenza risulta in aumento di 0,4 punti percentuali rispetto a giugno.

I movimenti mensili dell'occupazione determinano complessivamente nel periodo maggio-luglio 2016 un consistente aumento degli occupati (+0,7%, pari a 157 mila unità) rispetto al trimestre precedente, con segnali di crescita diffusi sia per genere sia per posizione professionale e carattere dell'occupazione.

Negli ultimi 12 mesi, gli occupati con più di 50 anni sono cresciuti mentre quelli fino a 49 anni sono calati. I disoccupati, pari a 2,9 milioni, diminuiscono dell'1,3% rispetto a giugno (-39 mila). Anche ad agosto i prezzi sono in deflazione con un calo dello 0,1%. Lo indica l'Istat nei dati provvisori. Il tasso di inattività risulta pari al 35,2% (+0,2 punti percentuali), prosegue l'Istat. "Gli occupati calano nelle classi di età fino a 49 anni mentre aumentano tra gli over 50"; mentre la crescita tendenziale è legata "ai dipendenti (+1,7%, pari a +285mila) e si manifesta per uomini e donne, concentrandosi soprattutto tra gli over 50 (+402mila)".

Altre Notizie