Domenica, 16 Giugno, 2019

Terremoto in Centro Italia, nuova forte scossa: magnitudo 4.8

Terremoto in Centro Italia, nuova forte scossa: magnitudo 4.8 Terremoto in Centro Italia, nuova forte scossa: magnitudo 4.8
Acerboni Ferdinando | 27 Agosto, 2016, 03:48

Lo rende noto la Protezione Civile.

Sono state 1059 le scosse di terremoto dalla notte del 24 agosto alle 17.13 di oggi - ha spiegato la Protezione civile italiana - e di queste 220 si sono verificate nella sola giornata odierna. Rimane uguale, rispetto al precedente conteggio ufficiale, il numero dei morti ad Arquata (49) e ad Accumoli (11).

La terra continua a tremare nelle zone già distrutte dal terremoto, mentre deve essere nuovamente aggiornato il numero provvisorio di morti, che sale a 267. Oltre 2mila - ha riferito il ministro dell'Interno Angelino Alfano - le persone impegnate giorno e notte tra vigili del fuoco e operatori della sicurezza.

Con il passare delle ore viene aggiornata purtroppo in rialzo la conta di coloro che hanno perso la vita nel sisma che ha sconvolto il centro Italia due notti fa. Dopo la scossa distruttiva di magnitudo 6.0 delle 3.36 di mercoledì, questa è la seconda replica di assestamento più forte dopo quella di magnitudo 5.3 nella zona di Perugia registrata sempre mercoledì alle 4.33. Sono le indicazioni della Protezione Civile che coordina il lavoro di assistenza per le vittime del sisma. Regione Lazio e Protezione civili chiedono chiedono lo stop assoluto dell'invio di nuovi aiuti nei comuni di Amatrice e Accumoli. Tra di loro ci sono anche i componenti dei 'caschi blu' della cultura, nuova unità dei carabinieri con il compito di monitorare lo stato del patrimonio artistico dei comuni colpiti, in primis Amatrice. Ieri il Consiglio dei Ministri ha effettuato i primi stanziamenti e il Presidente del Consiglio, tramite un caloroso messaggio alle vittime del terremoto, ha disposto i primi provvedimenti per affrontare la situazione d'emergenza e il lutto nazionale. Nelle Marche ai vigili del fuoco non risulta più alcun disperso. Lo annunciato il premier Matteo Renzi al termine del consiglio dei ministri.

D'Angelo ha sottolineato che "continueremo a scavare fino a avere la certezza che nessun altro è sotto le macerie".

LE INDAGINI - La procura di Rieti ha aperto un'inchiesta per l'ipotesi di disastro colposo in relazione al terremoto.

Mano a mano che esauriscono i propri cicli operativi, cani da ricerca e conduttori sono fatti rientrare alle proprie rispettive basi.

Altre Notizie