Martedì, 15 Ottobre, 2019

Scosse di assestamento nel Centro Italia

Crolli ad Arquata Scosse di assestamento nel Centro Italia
Evangelisti Maggiorino | 26 Agosto, 2016, 15:55

L'Avis Provinciale di Rieti ha lanciato un appello sulla sua pagina Facebook: "A causa del terremoto di questa notte urge sangue, di tutti i gruppi sanguigni".

Una seconda scossa di magnitudo 5.4 è stata registrata alle 4:33 con epicentro tra Norcia (Perugia) e Castelsantangelo sul Nera (Macerata) ed ipocentro a 8,7 chilometri di profondità. Continuano le scosse, alcune avvertite anche nelle Marche, nel Lazio e in Abruzzo.

Riferisce all'Ansa il sismologo Massimo Cocco, dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia. Quasi tutti sono quindi riusciti a dormire, pur nelle sistemazioni di emergenza.

Molti anche i bambini vittime del sisma, come un bimbo di 4 anni di Amatrice, deceduto in ospedale, e Marisol, una bambina di appena 18 mesi sorpresa nel sonno dal terremoto ad Arquata del Tronto e la cui mamma era sopravvissuta a quello de L'Aquila.

Renzi, arrivato sul luogo da cui ha avuto origine il sisma nel tardo pomeriggio di ieri, ha avuto un Summit con la Protezione Civile.

Sono 204 i morti finora estratti dalle macerie del comune di Amatrice. Ma qui sono molti di più - ha precisato il primo cittadino di Amatrice - e tra le situazioni più critiche c'è l'albergo Roma. Le vittime sono concentrate in tre comuni. E sottolinea: "E' certamente un numero destinato a salire vista la vastità della zona colpita dal sisma". Lo ha annunciato il presidente della Regione Marche.

Ancora scosse intanto nella notte, dopo le oltre 300 di ieri, la più forte di magnitudo 4.6 alle 5:17 con epicentro tra Accumoli ed Arquata del Tronto. Il crollo dell'Hotel Roma ad Amatrice ha contribuito ad elevare il numero dei morti accertati.

Ci sono un centinaio di sfollati nel centro di accoglienza allestito dalla Protezione civile ad Accumoli, nel Reatino.

"Sono stremati dalle scosse", sottolinea uno dei soccorritori impegnati. L'ultimo aggiornamento delle ore 7.00 rivela che "sono state registrate numerose repliche e sono 39 gli eventi sismici localizzati di magnitudo pari o maggiore di 3.0".

Il capo della Protezione Civile Curcio ha affermato che non sa con precisione quante persone siano disperse e quante ferite. I feriti in ospedale sono 264. Il consiglio dei ministri ha deliberato lo stato di emergenza e lo stanziamento dei primi 50 milioni di euro per l'emergenza.

Altre Notizie