Sabato, 15 Giugno, 2019

WhatsApp è gratis per un ovvio motivo: pubblicità su Facebook!

WhatsApp è gratis per un ovvio motivo: pubblicità su Facebook! WhatsApp è gratis per un ovvio motivo: pubblicità su Facebook!
Acerboni Ferdinando | 26 Agosto, 2016, 09:03

Queste informazioni saranno a disposizione di Facebook, che le utilizzerà per selezionare e ottimizzare meglio la pubblicità che più potrà interessarvi quando accedete al social network.

Un buon punto da cui partire è che gli attuali utenti WhatsApp hanno libera scelta di non condividere le informazioni del proprio account WhatsApp con Facebook. La condivisione riguarderà solo le informazioni sull'utente - il suo numero di telefono e le liste di amici, per esempio - e non il contenuto delle conversazioni o i file inviati, ma il servizio di WhatsApp è sempre stato molto apprezzato per la sua attenzione alla privacy degli utenti, e molti di loro potrebbero voler evitare che i propri dati personali vengano condivisi con Facebook. Andiamo alla scoperta di come cambierà Whatsapp e l'importanza per Facebook della condivisione dei dati degli utenti. Ad esempio, potrai vedere l'annuncio di una società con cui già lavori, piuttosto che l'inserzione di una società di cui non hai mai sentito parlare. Facebook potrà così offrire agli utenti di WhatsApp suggerimenti di amici e mostrare inserzioni più pertinenti nel caso in cui si disponesse di un account Facebook. Nulla di ciò che gli utenti condividono su WhatsApp, compresi i messaggi, le foto, e le informazioni dell'account, sarà pubblicato su Facebook o su altre applicazioni del nostro gruppo di applicazioni per essere visto da altri, e nulla di ciò che viene pubblicato su queste applicazioni sarà condiviso su WhatsApp per essere visto da altri. Ma, come abbiamo annunciato all'inizio di quest'anno, vogliamo anche esplorare modi per poter comunicare con le impreseche interessano, continuando a fornire un'esperienza senza banner pubblicitari di terze parti e spam. Ovviamente non si tratta di una trasmissione indiscriminata delle informazioni, esistono appositi paletti introdotti da WhatsApp e chiariti in maniera dettagliata nella nuova informativa sulla privacy.

"Tra le funzionalità che potrebbero essere testate negli ultimi mesi, e che hanno portato all'aggiornamento dell'informativa sulla privacy, vengono segnalate la possibilità di ricevere informazioni dalla banca circa transazioni potenzialmente fraudolente, o di ricevere notifiche da una compagnia aerea su un volo in ritardo".

Sin da quando Facebook ha deciso di sborsare l'enorme cifra di acquisto per Whatsapp, in molti ci siamo chiesti quando i due servizi sarebbero stati accorpati o quando avremo realmente visto il potenziale di integrazione fra le due piattaforme.

Dalla pubblicità, insomma, diventa sempre più difficile scappare.

Altre Notizie