Domenica, 15 Settembre, 2019

Il nuovo Galaxy Note 7 battuto dall'iPhone 6S in uno Speed Test

Video Samsung Galaxy Note 7 in USA il primo spot pubblicitario Il nuovo Galaxy Note 7 battuto dall'iPhone 6S in uno Speed Test
Acerboni Ferdinando | 25 Agosto, 2016, 08:03

Nonostante un hardware estremamente più potente, il Galaxy Note 7, l'ultimo smartphone di Samsung, viene sistematicamente battuto da iPhone 6s nell'uso quotidiano. Attività molto comuni su uno smartphone, e per questo molto più indicative delle reali prestazioni del dispositivo rispetto a qualunque test specifico del processore o della scheda grafica tipo Geekbench. Tra le altre caratteristiche di questo dispositivo, vengono citati il supporto alla risoluzione 4K, con processore Exynos 8895 con frequenza di clock a 4GHz, che lo renderebbe ancora più potente del chi A10 di Apple assicurando una potenza magggiore del 30% rispetto al Galaxy S7. Nel video che potete vedere qui di seguito, realizzato da PhoneBuff, i due telefoni sono messi a confronto per verificare sul campo quale dei due è più veloce.

Dal punto di vista hardware molti di voi sapranno già che l'iPhone 6S usa il chipset A9 (dual core) abbinato a 2GB di memoria ram, mentre il Galaxy Note 7 ha il chipsest Snapdragon 820 (quad core) abbinato a 4GB di memoria ram.

In pratica, il colosso coreano attuerà la stessa politica di alcuni mesi fa dando la possibilità agli appassionati di Batman di acquistare un modello di Galaxy Note 7 personalizzato, sia esternamente che internamente (a livello software) con il tema dell'eroe pipistrello. Il test ha visto infatti Galaxy Note 7 vs iPhone 6s per quanto attiene la velocità di utilizzo e nell'apertura delle applicazioni, e pur essendo un device di quasi un anno, iPhone 6S di Apple umilia l'avversario che può contare su delle specifiche tecniche di molto superiori sulla carta. Il software, come le app, sono meglio ottimizzati e rendono il telefono fluido anche con un hardware più "esiguo". Le prospettive sono molto interessanti, ma Samsung dovrà stare attenta al proprio catalogo: il rischio di cannibalizzare le vendite dei dispositivi di media gamma diventerebbe concreto.

Altre Notizie