Domenica, 15 Settembre, 2019

Terremoto nel centro Italia, l'appello dell'Avis: "Serve sangue"

Serve urgentemente sangue di tutti i gruppi appello Avis Rieti Immagine d'archivio
Acerboni Ferdinando | 24 Agosto, 2016, 16:39

A Montereale riferisce ancora la Asl è stata allestita una postazione di posto medico avanzato dove vengono assistiti i codici bianchi e gialli, cioè quelli più leggeri, per decongestionare il carico di lavoro che si riversa in questo momento sull'ospedale. La corsa a donare subito è davvero utile?

Tuttavia una nota del Centro nazionale sangue è chiara: "Per ora nessuna emergenza sangue". "A seguito del terremoto di questa notte - dice - il Centro Regionale Sangue è in costante rapporto con il Centro Nazionale Sangue per monitorare eventuali necessità a supporto delle regioni interessate. In questo modo si garantisce l'afflusso di sangue in modo continuativo" spiega Saturni. Gli ospedali limitrofi alle zone colpite, principalmente nel Lazio e in Umbria chiedono ai cittadini di recarsi a donare il sangue: serve sangue di tutti i gruppi sanguigni per salvare i feriti. A spiegarlo ci ha pensato direttamente l'Avis monzese attraverso una comunicazione sui propri canali social: "Nel rispetto delle abituali regole (intervallo di donazione, sospensione per vari motivi etc.) prenotate la vostra donazione, telefonando in sede o con prenotazione on line sul sito. Mio padre e mia madre sono feriti, ma vivi", racconta una donna nella sala d'attesa del Pronto Soccorso dell'ospedale di Ascoli Piceno, che aggiunge di aver visto passare un bambino in braccio allo zio che chiedeva disperatamente aiuto.

Intanto anche il comune di Montevarchi esprime la propria vicinanza alle alle popolazioni e ai comuni colpiti questa notte dal terremoto. Chi vuole può presentarsi nel centro trasfusionale più vicino e donare. Un particolare da non trascurare è che i globuli rossi, per esempio "durano" 42 giorni.

Altre Notizie