Martedì, 23 Luglio, 2019

Fbi scopre altre 15.000 email nascoste da Hillary Clinton

Clinton mail Fbi scopre altre 15.000 email nascoste da Hillary Clinton
Evangelisti Maggiorino | 23 Agosto, 2016, 18:15

Washington - L'Fbi ha scoperto quasi 15.000 nuove email di Hillary Clinton risalenti agli anni (2009-2013) in cui l'attuale candidata democratica e' stata segretario di stato. Tra le prove che potrebbero uscire da quelle email: i donatori della Clinton Foundation avevano un "accesso speciale" al Dipartimento di Stato. Quel summit parallelo è un simbolo della commistione di ruoli, visto che tanti capi di Stato già presenti a New York per l'evento al Palazzo di Vetro si affacciano dai Clinton per curare le relazioni pubbliche in un contesto "privato". Insomma l'accusa a Hillary è grave: si tratterebbe di aver messo in vendita la politica estera americana al migliore offerente, o quantomeno di aver dato a chi pagava la possibilità di contatti ad altissimo livello dentro il governo. "Non sappiamo quale siano i nuovi documenti individuati dal Dipartimento di giustizia - ha aggiunto Fallon - me se il Dipartimento di stato ritiene che alcuni siano collegati al lavoro, allora siamo chiaramente favorevoli alla loro pubblicazione". In molti casi, spiega Judicial Watch - che ha ottenuto la corrispondenza elettronica grazie al Freedom of Information Act, una legge sulla libertà d'informazione - la richiesta di un trattamento preferenziale veniva fatta a Douglas Band, ai vertici della fondazione voluta da Bill Clinton, il marito di Hillary che la settimana scorsa ha detto che la Clinton Foundation non accetterà più donazioni da entità straniere né da aziende qualora la moglie dovesse essere eletta nuovo presidente degli Stati Uniti mentre lui si dimetterà dal consiglio della fondazione. In ogni caso, sottolinea la rete Abc, mail che ne' Clinton ne' i suoi legali consegnarono a dicembre del 2014 al dipartimento di Stato per sottoporle a verifiche. Il totale di email che non sono parte delle 55.000 pagine inviate al dipartimento sale a 191.

Nei documenti si legge per esempio che il principe Salman del Bahrain voleva vedere Clinton. Un trattamento di favore è stato concesso anche all'imprenditore americano S. Daniel Abraham, che alla fondazione aveva elargito tra i 5 e i 10 milioni di dollari. In una email del 27 maggio 2009 l'ex aiutante di Bill Clinton, Ben Schwerin, scrisse a Band per dire che la star "vuole fare un collegamento con la Stazione spaziale internazionale durante il suo tour quest'anno".

Altre Notizie