Sabato, 20 Luglio, 2019

Tumori, scoperto interruttore che spegne le cellule killer

Tumori, scoperto interruttore che spegne le cellule killer Tumori, scoperto interruttore che spegne le cellule killer
Machelli Zaccheo | 22 Agosto, 2016, 16:51

Un meccanismo che permette alle cellule tumorali di "ingannare" il sistema immunitario impedendogli di attaccare e quindi distruggere le cellule anomale.

Il funzionamento di questo meccanismo, con l'individuazione dell'interruttore che spegne le nostre difese, è stato scoperto grazie ad uno studio dell'Ospedale Pediatrico Bambino Gesù, condotto insieme al dipartimento di medicina sperimentale dell'Università di Genova e pubblicato sulla rivista scientifica Journal of Allergy and ClinicalImmunology. Secondo gli autori, la ricerca apre le porte a nuove possibilità di cura.

Il meccanismo in questione si innescherebbe quando le cellule naturali killer entrerebbero in contatto con le cellule tumorali, cercando di provocarne la distruzione. Lo studio ha dimostrato che nei pazienti con tumore queste cellule esprimono sulla loro superficie il recettore inibitorio PD-1. Quando le cellule naturali killer attaccano quelle tumorali, la loro azione viene fermata dal recettore PD-1. Tuttavia, in molti casi, i tumori, soprattutto quelli piu' aggressivi, riescono a eludere l'attacco da parte dei linfociti T, ma sono ancora aggredibili dalle cellule NK. Se però anche queste vengono bloccate per effetto del PD-1, le difese antitumorali si azzerano e il cancro invade l'organismo. L'anticorpo, legandosi al PD-1, lo 'maschera' impedendogli di interagire con il PDL-1 e di generare segnali che inattivano le cellule killer.

Il recettore PD-1 che interverrebbe in tale meccanismo non era ignoto agli studiosi ma esso, adesso, è stato collegato anche alle cellule tumorali. "E va sottolineato che le cellule NK svolgono un ruolo molto importante nelle difese contro i tumori". Il trattamento e' potenzialmente valido anche per i tumori pediatrici. Ad ogni modo, posso affermare che i risultati ottenuti con anticorpi anti PD-1 sono straordinari e hanno rivoluzionato la prognosi di tumori particolarmente aggressivi.

Altre Notizie