Domenica, 21 Luglio, 2019

Morte di Prince, in casa pillole oppiacei contraffatte

Morte di Prince, in casa pillole oppiacei contraffatte Morte di Prince, in casa pillole oppiacei contraffatte
Deangelis Cassiopea | 22 Agosto, 2016, 10:08

Si indaga pertanto su chi gli procurò queste sostanze che lo hanno ucciso ad appena 57 anni.

Si continua a parlare e soprattutto ad indagare sulla morte di Prince e come già risaputo, l'autopsia ha accertato che Prince è morto lo scorso aprile per una overdose accidentale di Fentanyl, ovvero un oppioide sintetico 50 volt più potente dell'eroina.

Lo scrive l'Associated Press, citando un investigatore sotto anonimato.

Prince era in possesso di alcune di queste pillole una settimana prima della sua morte, quando era su un aereo che fece un atterraggio di emergenza a Moline (Illinois).

Molte pillole erano falsamente etichettate come "Watson 385", una dicitura usata per identificare pastiglie contenenti un mix di paracetamolo e idrocodone.

Una decina circa si trovavano in un camerino ma la maggioranza erano in bottiglie di vitamina C e aspirine, nascoste in una valigia e in alcune borse, compresa una che il musicista portava spesso con sé. All'artista andato in overdose furono somministrate delle dosi di Narcan, che serve a contrastare le overdose da oppiacei. Agli investigatori ha riferito che aveva ordinato dei test per il cantante e gli aveva prescritto delle medicine. Gli investigatori stanno investigando come abbia fatto Prince a ottenere quelle droghe. Dall'autopsia è venuto fuori che Prince avesse in corpo anche diazepam, ovvero un farmaco anti ansia venduto come il Valium, lidocaina e hydrodocone.

Altre Notizie