Lunedi, 18 Novembre, 2019

EpureRAI: dopo Giannini e Berlinguer via anche Luca Mercalli

EpureRAI: dopo Giannini e Berlinguer via anche Luca Mercalli EpureRAI: dopo Giannini e Berlinguer via anche Luca Mercalli
Evangelisti Maggiorino | 12 Agosto, 2016, 09:25

"Apprendiamo con vivo disappunto che la RAI intende cancellare dal palinsesto 2016-2017 la serie di trasmissioni 'Scala Mercalli' condotta da l climatologo Luca Mercalli".

L'INTERVISTA - La notizia della cacciata "era nell'aria già da qualche mese. "La direttrice di Rai Tre non ha confermato 'Scala Mercalli'", mi ha detto".

La denuncia della Fornario aveva scatenato le polemiche e alla fine la giornalista satirica ha deciso di abbandonare la sua trasmissione, mentre Luca Telese spiegava che "se fossimo in un Paese civile, dovrebbero dimettersi il capostruttura che le ha trasmesso questa consegna, e - se la disposizione venisse da lui - il neo-direttore artistico Carlo Conti, e/o i direttori di rete che gli stanno consentendo di comportarsi come Attila nel palinsensto della Rai".

Non me l'hanno spiegata la motivazione per cui il programma è stato chiuso. Anche perché era difficile da spiegare.

In tutto sono 94 su un totale di 13mila i dipendenti Rai che guadagnano più di 200mila euro l'anno, e tra questi abbiamo il direttore generale Antonio Campo Dall'Orto che incassa 652mila euro l'anno, la presidente Monica Maggioni che si porta a casa 270mila euro l'anno, il presidente di Rai Way Raffaele Agrusti (340mila euro), la direttrice di Rai Fiction Eleonora Andreatta (272mila euro) e così via fino a toccare dei ruoli che non sono sempre associati a quelli di un dirigente.

Ha detto Mercalli che forse però ha intuito che di mezzo potrebbe esserci la politica. "(...) Abbiamo trattato argomenti che sono scomodi per qualsiasi governo, e il governo Renzi non fa certo eccezione. -ha dichiarato il conduttore in una intervista al sito dell'Espresso dove ha annunciato la chiusura del programma- Basterebbe dire che siamo andati contro le trivelle e le grandi opere, e a favore di un'agricoltura sostenibile". Forse, ma anche il fatto che il collega-amico Fabio Fazio per il momento ha rinunciato al sabato sera gettandosi a capofitto nell'esperienza del nuovo Rischiatutto. "Io ho fatto solo le mie scelte, prendendomi le mie responsabilità - continua - È chiaro che sarei stato un ingenuo a pensare che non avrei sollevato un polverone con la puntata sui No Tav". Pochi giorni prima, invece, i senatori del Pd Miguel Gotor e Federico Fornaro, si erano dimessi dalla commissione di Vigilanza Rai. Oggi Mercalli non ha dubbi: "Direi che, a guardare dall'esterno, si fa molto presto a poterlo dire".

Altre Notizie